HomeStile di vitaVivere sano è la porta per l’energia vitale

Vivere sano è la porta per l’energia vitale

Immagine Vivere sano è la porta per l’energia vitale

Quando le persone comuni sentono parlare di energia vitale, spesso la classificano come una cosa strana e poco concreta. Ogni settore della vita di noi umani però è fortemente influenzato dalla propria vitalità, che non è solo una parola, un’astrazione. Alcuni hanno provato cosa significa vivere sano. Alcuni hanno provato le sensazioni e l’energia concessa da uno stile di vita più umano. La questione è comunque soggettiva. La vita sana di una persona può essere la vita non sana di un’altra.

L’importanza dell’energia vitale

Cominciamo col rivelare l’enorme importanza di questa particolare energia. Se vuoi approfondire meglio l’argomento lo puoi fare leggendo la nostra serie Radice. Tutto dipende dal tuo grado di vitalità e, in particolare, tutto ciò che esula dalle azioni abitudinarie, cioè le azioni che vengono compiute per abitudine e non necessitano di molta energia: lavarsi i denti, allacciarsi le scarpe, fare finta di ascoltare una persona mentre si pensa ad altro, guardare la TV, smaltire le pratiche in ufficio, lavorare alla catena di montaggio…

Gli atteggiamenti che escono dai percorsi abitudinari richiedono più vitalità. Avrai notato che quando ti senti energico e il tuo stato d’animo è gioioso riesci nei tuoi obiettivi con più facilità e ti butti nelle novità senza timore. Vedremo dopo la connessione tra stato d’animo ed energia.

È proprio di obiettivo quello di cui parlo. L’uomo non può dichiararsi vivo se non desidera qualcosa, anche se c’è un modo sano di desiderare, che non rispecchia (ancora una volta) quello più comune. Nella realtà, quasi sempre ciò che vuoi già ce l’hai.

Miliardi di persone ogni giorno si danno da fare per realizzare i loro sogni. Una percentuale irrisoria però riesce nei suoi intenti. Molti professoroni, pensatori ecc. spiegano e tentano di scusare questi fallimenti con gli argomenti più disparati. Noi invece crediamo che sia tutta una questione di stato d’animo, di energia vitale, ovvero di stile di vita.

La civiltà così come l’Homo Sapiens l’ha creata, è sostanzialmente contraria al benessere dell’individuo. Vivere sano (ma realmente sano) è stato reso assai difficoltoso dalle regole della civiltà. Se una persona non è in salute, se la sua vitalità è carente non riuscirà quasi mai a soddisfare i suoi desideri. È questo l’errore nascosto. Non bisogna concentrare l’attenzione sui metodi per raggiungere l’obiettivo, ma direzionarla al proprio stile di vita. Come dico spesso: dedicarsi alla radice e non alle foglie. Solo così i metodi e lo stesso obiettivo diverranno concreti con una semplicità quasi incredibile e per automatica conseguenza.

Vivere sano con l'energia vitale

Il vivere sano di uno e il vivere sano di un altro

Riprendendo le parole di inizio articolo, il vivere sano di un individuo può non corrispondere con quello di un’altra persona. Questo dipende dalle credenze che si possiedono, che per la maggior parte sono nate da informazioni lette e sentite, ma mai sperimentate. La verità del vivere sano consiste, secondo me, nell’osservare l’agire della natura. Essa predilige sempre la via più semplice e priva di inutili contorcimenti. Contempla l’agire del seme, della pianta, del frutto, del pettirosso, del cerbiatto, del sole e della luna.

Qualcuno può pensare di vivere sano trascorrendo 8 ore al giorno in esercizi fisici faticosi, ma un uomo nel suo ambiente naturale non lo farebbe mai. Qualcuno può pensare di vivere sano avendo una dieta ben bilanciata, integrata con pastiglie e bustine “naturali”, ma in natura gli esseri viventi si nutrono principalmente del loro cibo di base, senza pastiglie e polverine energetiche. Ancora, qualcuno pensa che una vita sana consista nell’astenersi dai vizi, ma lo stile di vita moderno genera stress, e lo stress, per compensazione, richiede la sensazione del piacere. Questa mancanza può generare maggiori danni dei vizi stessi.

Insomma, vivere sano può essere soggettivo, ma i risultati non lo sono di certo. Negli anni, ispirandoci ai moti naturali, abbiamo individuato i 6 elementi chiave su cui porre l’attenzione, ma ne ho già parlato sempre nella nostra serie Radice. Non voglio quindi ripetermi, sono stati sviscerati uno a uno. Eccoli qui di seguito:

Alimentazione

Movimento

Respiro

Riposo

Luce solare

Silenzio

Si tratta di una semplice rivoluzione del proprio modo di vivere. Ah, una cosa importante: se alla lettura di questa frase hai provato una sensazione non piacevole, un senso di svogliatezza, una repulsione alle parole “rivoluzione del proprio modo di vivere” significa che forse il tuo livello di energia vitale è basso.

Se il tuo obiettivo è l’insoddisfazione segui il classico modello di vita; non sbaglierai, è certo.

Stato d’animo nel breve periodo ed energia nel lungo periodo

Andiamo al punto della questione. Ciò che hai letto finora lo potrai leggere nel dettaglio in Radice. Nella serie proponiamo uno schema molto importante, che riportiamo qui sotto per comodità:

Schema Stato d'animo

Lo schema riassume il circolo che si viene a generare tra lo stato d’animo e le azioni, dove uno accresce l’altro e viceversa. Più hai tempo a disposizione, più i tuoi pensieri si liberano da preoccupazioni e il tuo stato d’animo passa da annoiato, infastidito e deluso, a gioioso, attivo e sereno. Una vita in questo stato è più ricca di azioni mentre uno stato d’animo triste provoca staticità ed inattività.

Attenzione però. Lo stato d’animo non basta. Questo schema può funzionare nel breve periodo, ma poi il carburante si esaurisce. Questa benzina, l’energia vitale, è ciò che serve a mantenere uno stato d’animo felice nel lungo periodo. Non c’è trucco o tecnica che regga il confronto. Un buon stato d’animo può durare al massimo qualche settimana, nei casi più improbabili qualche mese. Poi, in mancanza di energia vitale, svanisce.

Lo stress, i comportamenti innaturali moderni, le usanze inumane, le recite continue scalfiscono granello dopo granello anche il più ottimista degli uomini. Dedicarsi alla Radice è la nostra soluzione. Lasciarsi andare al modo di vivere classico, e cioè arrendersi alla mancanza di vitalità, o al contrario, combattere con metodi errati la propria svogliatezza consumandosi in sforzi giornalieri non è la strada esatta. Ricorda, non sempre la strada più comoda si rivela essere la più facile. Noi parliamo di una rivoluzione piacevole che porta alla vera soddisfazione.

Il segreto è la costanza senza preoccupazione

Vivere in modo sano è la strada. Detta così sembra facile, e lo è, a patto che tu faccia senza troppo parlare. Oggi si perde molto tempo in chiacchiere, ma è tempo che viene sottratto all’agire. Quando si parla di stile di vita è ovvio tirare in ballo la costanza, perché lo stile di vita non è un hobby o uno svago sporadico.

Cambiare il proprio modo di vivere è una rivoluzione che però può avvenire “lentamente”. Anzi, quasi sempre è preferibile a cambiamenti drastici. Dev’essere un lavoro lento, piacevole e soprattutto costante. Lento in modo da avere il tempo di informarsi. Piacevole nell’agire, nel fare esperienza delle informazioni. Piacevole senza sforzo, senza affidarsi alla sopravvalutata forza di volontà. Costante come la somma di questi due fattori: lentezza e piacevolezza. Così farai tua la vera natura della pazienza. Se vuoi sapere nel dettaglio cosa intendo puoi approfondire l’argomento leggendo Vuoi esaudire un desiderio? Armati di pazienza. Non dimenticare, se vuoi veramente vivere sano, non curarti delle foglie e vai subito alla Radice.

Per fare facilmente qualcosa di diverso devi essere una persona nuova. Per essere una persona nuova devi fare cose diverse.

FINALMENTE È ARRIVATO

Se non ti piace leggere da Pc o smartphone è pronto l’ebook del Project Excape. Se lo desideri puoi sostenere il progetto leggendo in modo ordinato e cronologico gli articoli più significativi, come se fosse un libro.
Scopri l'ebook

In tutte le librerie digitali come Amazon, Kobo, IBS ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *