HomeCreare la realtàSogni lucidi e la legge di attrazione

Sogni lucidi e la legge di attrazione

Immagine Sogni lucidi e la legge di attrazione

Sogni lucidi e la legge di attrazione fa parte della serie Gioca con la Realtà. Per realizzarla ci sono volute parecchie settimane di lavoro, senza includere gli anni di esperienza che abbiamo maturato per poterne parlare con cognizione di causa. Abbiamo deciso di renderla disponibile per chiunque tramite il Project Excape.

La legge di attrazione, almeno com’era stata divulgata al principio, descriveva una sorta di metodo, o di tecnica, che prometteva di farti raggiungere i tuoi desideri. In pratica, bastava solamente mettersi comodi e cominciare a immaginare il proprio obbiettivo come se fosse già raggiunto, senza preoccuparsi di tutti gli ostacoli che potevano presentarsi nella realtà. Per saperne di più ti lasciamo il link a Wikipedia: The Secret.

Capitolo 9 Legge di attrazione

Mai sentito parlare dei sogni lucidi? Cosa c’entrano con la legge di attrazione che abbiamo investigato assieme in questi 10 articoli? La riposta è semplice e la troverai in questo ultimo articolo della serie. I sogni lucidi, in un certo senso, non fanno parte del mondo reale, della vita di ogni giorno. Questi appartengono al mondo onirico. La legge di attrazione, al contrario, spiega come poter agire nella vita concreta e non nei sogni. Quindi, che c’azzeccano?

Prima di continuare il discorso è necessaria una breve spiegazione dei sogni lucidi, per le persone che ancora non li conoscono. Consiglio di leggerla anche a chi crede di sapere cosa siano, perché ho constatato che molti individui li confondono con altre esperienze avute.

Cosa sono i sogni lucidi?

Ti sei mai accorto di sognare? Quella consapevolezza onirica che ti fa pensare “ma questo è un sogno, sto sognando, non è la realtà”. Questa consapevolezza è solo il primo passo che conduce ai sogni lucidi. Quasi a tutte le persone è capitato, talvolta, di divenire consci del proprio sogno. In questo non c’è nulla di speciale. Insolito invece è passare da spettatore a regista vero e proprio del sogno. Come ben saprai, nei classici sogni sei lo spettatore di te stesso: sei l’attore, ma non possiedi il controllo delle tue azioni oniriche. Nei sogni lucidi invece si diventa attore e regista al contempo.

Cosa significa tutto questo? In poche parole, ti ritrovi in una dimensione di cui ne sei il Dio. Qui puoi plasmare lo spazio a tuo piacimento. Puoi decidere di volare, di interagire con ogni personaggio che desideri, creare oggetti dal nulla, far fiorire interi palazzi in meno di un secondo ecc. In sostanza, ogni cosa ti è concessa. Il limite è solo la tua fantasia. L’unica nota dolente del sogno lucido (a meno che non si conoscano determinate tecniche) è che sempre, o quasi sempre, la durata e molto breve.

Ti starai chiedendo perché sto insistendo molto sui sogni lucidi. Nella vita normale di ogni giorno, tutti noi, chi più chi meno, siamo manovrati dagli eventi esterni. Abbiamo ruoli ed etichette da rispettare, norme, regole, orari, relazioni, pulsioni innestate dall’ambiente ecc. Stessa cosa la si ha nel sogno, dove è appunto il sogno a manovrare l’ambiente e le nostre azioni oniriche.

I sogni lucidi come messaggio

Capisci dove voglio andare a parare? La natura e, in questo caso specifico, il nostro stesso inconscio ci fa capire quali siano le nostre reali capacità. Tenta proprio di farcelo comprendere attraverso i sogni lucidi, portando un messaggio che rivela la possibilità di plasmare la realtà facilmente.

C’è un però. La differenza di percezione temporale che si presenta nei sogni si differenzia totalmente da quella della vita reale. Se nel sogno lucido materializziamo un oggetto in un istante, nella realtà risulta pressoché impossibile. Tuttavia, fai attenzione, risulta impossibile l’istantaneità, ma non di certo la concretizzazione dell’obiettivo. Non esistono mete impossibili o difficili, ma solo quelle in cui è obbligatorio più tempo per la propria realizzazione.

La legge di attrazione è pertanto l’equivalenza del sogno lucido. La prima agisce nel mondo concreto, il secondo avviene nel mondo onirico.

Sperimentare i sogni lucidi per attrarre a se nel mondo reale

Chi ha già sperimentato questa tipologia di sogni consapevoli può rallegrarsi, perché è più avvantaggiato nell’attrarre ciò che vuole. Questi individui sono a conoscenza dell’intenzionalità, della sensazione e dello stato d’animo che si prova, così da poterlo imitare nella realtà. Posseggono la consapevolezza della facilità con cui riescono a creare immediatamente ciò che pensano. Se poi si accorgono e si convincono che nell’esistenza normale il procedimento si equivale, allora il gioco è fatto.

Al contrario, se non hai mai provato l’ebrezza dei sogni lucidi non c’è da disperare. Non è questa la base della legge di attrazione. Come abbiamo visto in precedenza, ciò che va a comporre le fondamenta di un lavoro remunerativo è ben altro. Questo dei sogni lucidi è un ulteriore presa di coscienza, che può essere molto utile nel comprendere l’analogia e nell’acquisire sicurezza nei propri mezzi e nella vera efficacia della legge in questione. Inoltre, non è assolutamente difficile imparare a concedersi queste esperienze. Sì, esatto, hai letto bene. Si può imparare, esistono tecniche precise da applicare senza grossi impedimenti.

Approfitta pure dello spazio subito qua sotto. Facci sapere se ti potrebbero interessare dei contenuti che riguardano l’apprendimento e la pratica vera e propria dei sogni lucidi.

Siamo giunti alla fine di questo breve percorso. Parlare di fine è abbastanza strano perché, in realtà, il percorso è appena cominciato. Ora disponi di una visione diversa e di strumenti da utilizzare empiricamente. Ricorda, tutto dipende da te e, se tutto dipende da te, dove sta il problema? Puoi fare tutto quello che desideri nella vita. Puoi essere limitato o no, proprio in base al modo in cui intendi e percepisci la vita stessa.
Per continuare questo percorso hai una possibile strada, acquisire ulteriori conoscenze nella serie che completa quella che hai appena concluso: Crea la tua realtà.

TORNA AL SOMMARIO

FINALMENTE È ARRIVATO

Se non ti piace leggere da Pc o smartphone è pronto l’ebook del Project Excape. Se lo desideri puoi sostenere il progetto leggendo in modo ordinato e cronologico gli articoli più significativi, come se fosse un libro.
Scopri l'ebook

In tutte le librerie digitali come Amazon, Kobo, IBS ecc.

8 commenti su “Sogni lucidi e la legge di attrazione”

    1. Andrea Di Lauro

      Ciao, ti scrivo quelle che ricordo.
      1- Farsi questa domanda (in media 10 volte al giorno): “sogno o sono sveglio?”. Cercare gli indizi che ti confermano di essere sveglio. Questo serve ad abituarti a fare questa domanda, così da riuscire a farla mentre sogni, perché solo quando ti accorgi di sognare puoi fare un sogno lucido.
      2- Comincia a scrivere un diario dei sogni. Ogni mattina, appena sveglio, cerca di ricordare e trascrivi i tuoi sogni. Deve essere la prima cosa che fai appena ti svegli.
      3- L’evento più comune riguarda l’estinzione del sogno lucido in pochi secondi. Ecco alcune tecniche per non far svanire subito il sogno lucido (da fare durante il sogno): Aprire le braccia e girare su se stessi. Coprirsi gli occhi e riaprirli. Saltare, battere le mani. Creare dal nulla qualcosa di piccolo, che sta sul palmo della mano, una mela ad esempio.

      Questo è ciò che ricordo, ma puoi trovare numerose informazioni anche in rete. Ricorda che questo è un lavoro che va fatto con costanza, e va da qualche settimana ad alcuni mesi.

  1. rita de carolis

    Ragazzi, da anni sbatto la testa sul fatto che ho la certezza che sia il pensiero a generare la realtà, ma che non è possibile liquidare banalmente la mostruosa mole di condizionamenti che questo sistema, che ha ben compreso proprio questi meccanismi delle nostre menti e li usa come meglio non si potrebbe, dal momento che essi agiscono inevitabilmente in modo infinitamente più forte e capillare di quanto non possano fare due frasette e tre visualizzazioni. Il nostro inconscio genera la realtà, il sistema lo sa e se ne appropria sin da quando siamo in culla, lasciandoci esposti a quei condizionamenti per tutto il tempo della nostra vita, è inimmaginabile pensare di neutralizzarli con tecniche così blande. Mi sembra che siate partiti da considerazioni molto simili alle mie, che di mestiere faccio la sociologa, per giungere a conclusioni che mi sembrano andare ancora più in là delle mie. Grazie di cuore e complimenti!

    1. Andrea Di Lauro

      Ciao Rita, benvenuta nel blog. Gestire la vita a proprio piacimento dovrebbe essere la normalità, è alla base delle funzioni dell’uomo. Ma dato che tutti noi impariamo dal luogo in cui viviamo ne diveniamo la copia, come hai detto nel tuo commento. Comunque sarebbe meglio dire che il pensiero plasma la realtà, non è che la crea dal nulla.

  2. rita de carolis

    ho trovato il passaggio su stanchezza e apatia croniche, di cui siamo tutti gravemente ammalati, altrimenti troveremmo la forza di cambiare noi stessi e di mandare il sistema a carte quarantotto, assolutamente GENIALE!

    1. Andrea Di Lauro

      Molti non capiscono l’importanza di questo punto chiave, e cercano di combattere contro la vita servendosi di tecniche motivazionali e trucchetti “magici”. Ma si gioca tutto qua, questa secondo noi rappresenta una rivoluzione del settore “crescita personale” e affini. Ti consiglio di leggere la nostra serie Radice, che parla proprio di questo: https://www.projectexcape.it/la-radice-del-progetto/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *