HomeL'angolo ecletticoRimedi contro la cellulite e cause della ritenzione idrica: quello che non viene detto

Rimedi contro la cellulite e cause della ritenzione idrica: quello che non viene detto

Immagine I rimedi contro la cellulite e ritenzione idrica: quello che non viene detto

Le cause della ritenzione idrica possono essere molteplici dicono. I rimedi contro la cellulite pure, dalle cremine rassodanti alle pastigliette, ai massaggi drenanti… Fatto sta che la situazione non è ancora ben chiara. Se conosciamo le cause di ritenzione idrica e cellulite, perché il genere femminile è in continua lotta con queste due odiate patologie?

Non si tratta di risolvere problemi

Se sei un assiduo lettore o lettrice di questo blog non spaventarti, non abbiamo cambiato rotta. L’argomento può essere giudicato molto più leggero del solito, e magari superficiale per qualcuno, ma continua e ti ricrederai. Avviso fin da subito che questo non sarà il solito contenuto di stampo simil-salutista, gemello di altre migliaia di sue copie. La rete è satura di tali informazioni, e non c’è bisogno di un ennesimo contenuto. Abbiamo deciso di discostare dagli argomenti principali, come ci piace fare delle volte, perché riteniamo di possedere informazioni diverse dal comune e soprattutto che possono essere più veritiere di quelle comuni.

Le cause comuni di ritenzione idrica e cellulite

Prima di cominciare, questo non è un progetto che consiglia come risolvere problemi. Non si tratta di risolvere problemi, né di accettarli, ma di cominciare a pensare, imparare a ragionare, così da avvicinarsi a una vita più adatta all’uomo. Quando sai pensare in modo autonomo vedi i problemi e li scansi. Nella maggior parte dei nostri contenuti prevediamo sempre dei cambiamenti radicali che vengono attuati in modo lento e graduale, ma sempre di cambiamenti radicali si tratta. Per noi i rattoppi veloci sono inutili e fanno sprecare solo del tempo, in ogni ambito della vita.

E ora andiamo al vivo della questione. Comprenderemo nel discorso le cause della ritenzione idrica e i rimedi contro la cellulite, perché riteniamo che sia la causa che il rimedio nuotino nello stesso mare. Se facciamo un giro sulla rete o se domandiamo a qualche esperto quali sono le cause della cellulite, pelle a buccia d’arancia o liquidi che vengono trattenuti sono più o meno tre. Si parla di fattori genetici, di fattori ormonali e di alimentazione.

Per cominciare a delineare questo discorso, noi non siamo dei forti estimatori delle teorie genetiche, quelle che spesso girano la testa al contesto e all’ambiente in cui l’essere vivente è situato, e allo stile di vita svolto. Per quanto riguarda il sistema ormonale, sappiamo con certezza essere direttamente collegato al proprio stile di vita, in particolare all’alimentazione. A questo punto avrai capito dove vogliamo puntare il binocolo, o in questo caso, il microscopio.

I rimedi comuni contro la cellulite

I rimedi comuni anticellulite o contro la ritenzione idrica che riguardano la dieta sono questi:

Assumere più frutta e verdura, consiglio che viene sbandierato per qualsiasi tipo di fastidio salutare e che per questo non viene messo in pratica quasi mai.                                                                                                      Ridurre l’apporto di grassi e zuccheri; stessa situazione del consiglio precedente (quando un’informazione viene ripetuta allo stremo perde la sua rilevanza, anche se si tratta di verità indiscussa).                                                Bere più acqua, dai due ai tre litri al giorno, o anche oltre.

Prima di dire la nostra su queste raccomandazioni vorrei analizzare le cause della ritenzione idrica che può portare alla cellulite. Vorrei soffermarmi sul fattore scatenante senza troppi tecnicismi, dato che, secondo me, il funzionamento della natura e degli esseri tende sempre alla semplicità. Possiamo quindi giungere al vero seguendo una semplice logica ed avendo in precedenza imparato a ragionare autonomamente dopo un’esperienza consapevole.

I rimedi contro la cellulite e ritenzione idrica - Organismo

Un organismo squilibrato

Tutto comincia con una domanda: perché l’organismo trattiene i liquidi che noi assumiamo e li stiva in diverse zone del corpo? La maggior parte degli individui di oggi seguono un tipo di alimentazione che, ad ogni pasto, scombussola totalmente l’equilibrio acido/basico del corpo e l’equilibrio idrico. In parole semplici, per effetto di ogni colazione, pranzo e cena, l’organismo si disidrata e si acidifica. Questo dipende dalle tipologie di cibo. Il 90% degli scaffali dei supermercati prevede alimenti che sono distanti anni luce da un cibo inalterato dalle mani dell’industria, come la natura lo aveva previsto.

La conformazione dell’essere umano, prevede alimenti ricchi di liquidi, ma invece la norma è ingozzarsi assiduamente di pastificazioni asciutte, salate, zuccherate, lavorate, cotte e ricotte. Frattaglie, insaccati, condimenti, salse grasse, formaggi… Dove le verdure, se presenti, sono spesso cotte, ossia private di buona parte del loro liquido e dei nutrienti. Della frutta nemmeno parlarne, perché nel modo di alimentarsi “normale” viene relegata ad abbellimento del tavolo della cucina, a dolcetto fine pasto, o a guarnizione per qualche dolce. D’estate qualche melone in più lo si mangia, ma non viene mai o quasi mai previsto un pasto di sola frutta o di sola verdura cruda.

Per loro natura, la frutta e le verdure, contenendo molta acqua e fibra, tendono a generare la sensazione di pienezza in pochi bocconi. Per logica, ad un aumento considerevole di questi alimenti dovrebbe corrispondere una diminuzione e un’esclusione di altri cibi. Mi riferisco a pasta, pane, pizzette, dolci, polpette, affettati, latticini ecc. Invece la cosa non avviene quasi mai. Cioè, se mangio molta frutta e verdura non ho più spazio per mangiarmi la bistecca col purè, ad esempio. invece, di solito, le porzioni di frutta o verdura sono sempre molto esigue rispetto alle portate principali, perciò vengono relegate a contorno.

Tornando alla domanda, il corpo trattiene i liquidi per un semplicissimo motivo: perché ogni giorno fa esperienza di piccoli periodi di disidratazione, per diluire le tossine in eccesso, e perché l’acqua che introduciamo non è la più compatibile all’uomo.

Acqua azzurra, acqua chiara, con le mani…

Tutti i cibi che di norma ingeriamo sono cotti e asciutti e prevedono un grande quantitativo d’acqua per essere digeriti. Tutte le tossine dei cibi innaturali che ogni giorno introduciamo devono essere diluite e smaltite dall’organismo, che perciò trattiene il liquido per questo lavoro. Dipende tutto da come abbiamo abituato la nostra macchina biologica. In principio è in una situazione di salute ed equilibrio, ma se ogni giorno cominciamo a privarla dell’acqua per mezzo di cibi errati, allora la ritenzione idrica diventa logica. Diviene non tanto una patologia quanto una salvezza.

In merito a questa logica ti consiglio questo articolo: La paura di avere malattie e l’ammalarsi per vivere sani.

Ma la questione che nessuno prende in considerazione è questa: qual è il liquido più adatto al corpo umano? Parlando di alimentazione, i rimedi contro la cellulite o la ritenzione idrica, come abbiamo visto sono: mangiare più di questo e meno di quest’altro. Informazione talmente sbandierata da esser divenuta un sottofondo vero ma inascoltato. Il primo consiglio però è sempre quello di bere moltissima acqua, cosa che si riesce a fare facilmente senza dover modificare il proprio stile di vita.

L’acqua che elimina l’acqua

Nella mia esperienza ho visto soffrire sia di ritenzione idrica che di cellulite numerose persone che, pur facendo molte ore di sport e bevendo ettolitri di acqua, non riuscivano a liberarsi da questo fastidio antiestetismo. Ma allora che senso ha ingollare litri e litri se poi non funziona? Ma soprattutto, quale logica può esserci dietro a questo comportamento? Pensa, il corpo trattiene e stiva dei liquidi e noi gliene rifiliamo altro in aggiunta? La così detta acqua che elimina l’acqua vero? Niente di più stupido!

Dalla mia esperienza personale, e dall’osservazione, ho visto soltanto che nel forzarsi a bere ettolitri d’acqua si suda soltanto di più, e le patologie in questione non se ne vanno. Tuttalpiù può aiutare nello smaltimento delle tossine se si mangiano spesso cibi inadatti. Se il nostro corpo è abituato a essere, passatemi il termine, “asciugato” e intossicato tre, quattro volte al giorno, potete dargli tutta l’acqua che volete, ne tratterrà sempre un po’ per continuare a rattoppare gli squilibri dell’alimentazione moderna. Anzi, più acqua assumiamo più l’organismo la trattiene.

Quindi i rimedi contro la cellulite e la ritenzione idrica che riguardano l’alimentazione potrebbero essere corretti, a parte quello del bere quattro litri al giorno, che ritengo assurdo. Già l’azione forzata svela la natura errata dell’atto, perché forzarsi, cioè andare in opposizione ai segnali del corpo, prevede sempre una forma di violenza contro se stessi, e questo dovrebbe dire tutto.

C’è acqua e acqua

Esiste solo un tipo di acqua che il corpo non trattiene, ed è quello contenuto nella frutta. Questo succede perché si tratta del liquido più adatto all’uomo. Essenzialmente, è acqua viva, pura, filtrata dalla pianta, ricca (nelle giuste quantità previste dalla natura) di sali minerali, vitamine e fruttosio (che non ha niente a che vedere con lo zucchero comune). Quando scrivo “acqua viva” non è per fare il fricchettone new age, ma perché è effettivamente così. L’acqua della frutta è pregna di sostanze organiche, mentre l’acqua del rubinetto, della bottiglia o del fiume contiene sostanze inorganiche.

Le sostanze organiche, come ad esempio i sali minerali contenuti in una mela, sono organici e cioè “vivi”, perché derivano da una struttura viva, da un essere vivente quale un albero. Le sostanze inorganiche vengono disciolte nell’acqua del fiume attraverso le pietre, i sassi, il terreno, che non sono strutture vive. Questo per dire che le sostanze organiche sono compatibili col nostro organismo, e vengono assorbite in modo veloce e completo. Così il liquido di scarto viene eliminato. Al contrario, i sali minerali inorganici della comune acqua non vengono assorbiti se non in piccolissima parte, ma anzi, contribuiscono a intasare il corpo (anche se in esigua misura rispetto al cibo comune, questo è un fattore che deve essere preso in considerazione in un percorso evolutivo alimentare molto avanzato).

Quest’ultima raccomandazione non l’ho mai sentita nominare da nessun tipo di medico, dietologo o esperto nutrizionista, eppure si tratta di scienza, non di stregoneria o di divulgazioni settarie. Non ho mai visto trattare l’argomento quando si prendono in causa i rimedi contro la cellulite o la ritenzione idrica, che siano naturali o meno. Eppure la questione, come hai visto, è molto rilevante.

Ma tutta quest’acqua da dove è uscita?

Veniamo ora a qualche evento di natura pratica che è successo nel corso della mia esperienza. Premetto che, appartenendo anche al genere maschile, non ho mai sofferto di cellulite né di casi di ritenzione idrica fastidiosi. Tuttavia, chi più chi meno, soffriamo tutti di ritenzione idrica se ci nutriamo nel modo classico. Che siamo uomini o donne, nella prima fase di dimagrimento avviene sempre lo stesso effetto. Quando si dimagrisce i primi chili ad andarsene sono sempre composti d’acqua. Questo è un fatto provato, al principio del dimagrimento si perde sempre molta acqua. E per quale oscuro motivo il corpo aveva stivato tutto quel liquido? Torniamo ai discorsi di prima.

Durante il periodo estivo la mia alimentazione subisce un importante mutamento: durante il giorno mi nutro quasi solamente di frutta, mentre la sera mangio altro. Nei primi giorni di questa variazione noto sempre una frequenza alla toilette (per non essere volgari) 🙂 che qualcuno potrebbe ritenere anormale. Invece è una conseguenza normalissima. L’organismo comincia a ricevere l’acqua perfetta, così apre i rubinetti per espellere l’acqua in eccesso, quella che era stivata per le situazioni di emergenza. Quando si comincia ad abituare il corpo col cibo giusto, e quindi col liquido giusto, tutto torna in equilibrio. Ogni volta mi chiedo dove cavolo tenessi tutta quell’acqua.

Sono sempre stato molto regolare col peso corporeo, da più di dieci anni rimane invariato, se non appunto d’estate, dove perdo più o meno uno, due chili di liquido in eccesso. E non entro in merito al miglioramento della situazione intestinale, perché meriterebbe un articolo a parte.

Voglio ricordare al lettore, o in questo caso, (probabilmente) alla lettrice, che ho scritto questo post per essere in qualche modo d’aiuto, e non per convertire qualcuno in un qualche tipo di ideologia alimentare. Come ho scritto in precedenti articoli, non faccio parte di nessuna fazione o ideologia, semplicemente osservo la natura e sperimento su me stesso.

Per ottenere ciò che non hai mai ottenuto devi fare ciò che non hai mai fatto

Con questo accorgimento pratico, il corpo si asciuga e si tonifica, e si suda molto di meno, altra prova del fatto che l’acqua della frutta non viene stivata per essere inutilmente espulsa sotto forma di sudore. Si tratta di un circolo virtuoso dove si hanno meno tossine per via della diminuzione di un cibo innaturale, e dell’aumento di liquido organico e realmente idratante.

Come ho detto non si tratta di arginare problemi, ma di modificare le proprie abitudini in modo radicale ma non forzato. L’effetto che si ricerca in questo contesto non dipende da quanta acqua si beve, ma dal cibo ingerito. Se i cibi introdotti richiedono delle scorte d’acqua extra per essere digeriti e smaltiti, ritenzione idrica e cellulite saranno la norma.

Se anche tu le hai provate tutte, se fai sport e bevi ettolitri d’acqua, ma ancora senti di essere affetta da ritenzione idrica, specialmente sulle gambe, ti consiglio di lasciar perdere i soliti rimedi contro la cellulite. Se non hanno funzionato perché insistere. Metti in pratica ciò che hai trovato di utile in questo post, e se credi siano fandonie, metti in pratica ciò che ritieni più vero. Un solo ultimo consiglio: ispirati alla natura e non all’artificiale.

Articoli consigliati: Mangiare sano e naturale costa di più?, Scopri i migliori 10 cibi brucia grassi e Nutrizione alimentare: fai la differenza per la tua energia vitale.

FINALMENTE È ARRIVATO

Se non ti piace leggere da Pc o smartphone è pronto l’ebook del Project Excape. Se lo desideri puoi sostenere il progetto leggendo in modo ordinato e cronologico gli articoli più significativi, come se fosse un libro.
Scopri l'ebook

In tutte le librerie digitali come Amazon, Kobo, IBS ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *