HomeRapporti interpersonaliLe ragazze facili e gli uomini playboy

Le ragazze facili e gli uomini playboy

Immagine Le ragazze facili e gli uomini playboy

Parlare di relazioni tra uomo donna non è mai facile. Ragionare sui meccanismi mentali che nascono inconsapevolmente quando si parla di sesso è ancora più complicato. Perché ci sono le ragazze facili (per non essere proprio scurrili, anche se in genere i termini utilizzati sono molto più espliciti e pesanti), quelle, per intenderci, che si fanno pochi problemi a letto e che, in genere, possono vantare più partners amorosi? Allo stesso tempo, perché, in generale, il corrispettivo maschile rientra più tra gli uomini playboy?

Nel primo caso, quando è la donna al centro dell’interesse, il peso che le viene associato è solitamente negativo. La donna diventa di facili costumi e viene paragonata ad una prostituta da strada. Nel secondo caso, quando è l’uomo ad essere giudicato, il termine di paragone rimane quasi sempre il corrispettivo maschile della prostituta, ma il peso utilizzato è molto più leggero. A volte si avvicina molto all’ammirazione.

Sesso e sessualità #1 - Ragazze facili

Il mio personale punto di vista

È chiaro che sto esprimendo il mio isolato punto di vista. È un punto di vista maschile perché è un maschio che ti sta parlando. Eppure il mio pensiero si fonda sull’esperienza concreta e sul pensiero di molte ragazze con cui ho avuto modo di parlare. Paradossalmente, sono più le ragazze a definire altre come ragazze facili. Soprattutto, lo fanno con una carica emotiva molto forte. Molto spesso il giudizio è carico d’odio e di rabbia. L’uomo, di solito (anche se spesso con termini più spinti e volgari), si limita alla goliardia o poco più.

Ora, il discorso è abbastanza complesso. Quello che voglio analizzare è il quadro complessivo, piuttosto che i singoli punti di vista. Potrai pensare “ma io non la penso così”. Va benissimo e per fortuna. Rimane il fatto che il quadro che ho finora dipinto è, per la maggiore, quello imperante. Quello che a me preme molto è analizzare i pensieri, le sensazioni e i meccanismi che si instaurano nelle persone. In questo caso particolare, capire il perché si crei una tale energia negativa nei confronti di chi, per vanto o meno, è risaputo vivere una vita sessuale diversa dal consueto.

Essere pecore è bene e giusto

Credo che il focus dell’attenzione vada posto proprio su questo concetto. Quando il diverso entra nel nostro piccolo orticello scattano tutti gli allarmi che abbiamo predisposto. In realtà, il più delle volte, questi allarmi non li abbiamo predisposti noi. Più facilmente, sono stati piazzati lì da tutti quei meccanismi della società che ci hanno fatto credere, giorno dopo giorno, che essere pecore è bene e giusto. Ripeto, sto ovviamente generalizzando, non sto parlando né di te né del tuo vicino, ma di una situazione generale che di certo non è delle migliori.

Rimanendo in tema, quello che vedo è che la maggior parte delle coppie vive la propria vita con un grado più o meno grande di frustrazione sessuale. Vuoi dei chiari esempi? Ti basta leggere le bacheche di Facebook, oppure analizzare il successo editoriale del best seller 50 sfumature di grigio. Succede che, quando vediamo qualcuno o qualcuna uscire dal proprio orticello e dichiarare apertamente la sua libertà sessuale, questo ci crea un grosso disagio interiore. Il disagio può nascere da diverse emozioni: non sentirsi a proprio agio col corpo, essere vincolati da un credo religioso, avere un’eccessiva timidezza e via dicendo. Personalmente, credo che tutte queste portino ad un unico risultato: provare un senso d’invidia.

Invidia per le ragazze facili e gli uomini playboy

L’uomo invidia chi ha successo con il gentil sesso. Magari non si sente attraente, forse non si sente così sicuro di sé. La donna invidia colei che riesce a godere a pieno della sua sessualità. Vorrebbe le sue curve, il suo fascino, o solo provare quello che lei dice di provare. L’uomo, il più delle volte, reagisce esaltando e cercando di avvicinarsi a chi ha successo, per cercar di raccogliere il più possibile. La donna, invece, cerca di riportare al suo livello (sminuendola e dandole della poco di buono) colei che è uscita dai canoni prestabiliti.

Molto probabilmente le due reazioni hanno un’unica causa: la società che ci ha plasmato dalla nascita. Per l’uomo la conquista è fonte di potere, per la donna il valore più importante è la purezza. A livello sociale, per i primi essere playboy non è un gran problema; per le seconde, invece, essere ragazze facili non è il miglior biglietto da visita da lasciare. Attenzione, però. Questi sono i canoni che la società ci ha imposto e che noi pensiamo siano nostri di natura. La realtà è ben diversa. Al nostro inconscio non possiamo sfuggire, ed è per questo che ci sentiamo ribollire quando qualcosa esce dal nostro seminato. È quella voce dentro di noi  che vorrebbe liberarsi, ma che viene subito repressa dal è così perché tutti dicono che è così.

Non sono un guru né una guida, cerco solo di far riflettere le persone

Anche io sono inciampato in tutto questo, e inciamperò ancora. Ho definito ragazze facili, così come ho definito uomini playboy. Ho sentito il disprezzo e l’invidia nascere e crescere dentro di me. Ma poi mi sono chiesto: che senso ha prendersela per queste cose? E soprattutto: perché me la sto prendendo così tanto?

Ora mi rivolgo a te che stai leggendo. Quello su cui voglio farti riflettere (che è e sarà il tema di quasi tutti i miei articoli) è la consapevolezza dei meccanismi che si instaurano dentro tutti noi. Capire il perché dei nostri pensieri e delle nostre sensazioni. Prima di tutto, com’è che una persona sessualmente disinibita mi crea così tanto disagio? Perché una persona estranea ha un potere così grande su di me?

Collegati con il tuo inconscio e capisci l’origine delle tue emozioni

Quando succederà, il meccanismo che dovrà partire in automatico sarà analizzare immediatamente le sensazioni che quella circostanza avrà creato al tuo interno. Analizzare il tuo stato d’animo è il primo passo. Con la pratica e la giusta attitudine prenderai sempre più confidenza con te stesso. Se, nei primi tentativi, non riuscirai nemmeno a dare un nome al tuo disagio, col tempo e la pazienza riconoscerai sempre meglio la natura delle tue sensazioni. Quando troverai l’invidia, capirai che dovrai agire nella tua sfera sessuale. Ti manca qualcosa? Il tuo partner non ti soddisfa? Vorresti una vita sessuale diversa? È inutile girarci attorno. Tutto questo va regolato il prima possibile, perché altrimenti non vivrai mai una vita appagante da tutti i punti di vista.

Sembrano discorsi banali e scontati. Poi, però, nella vita reale, di persone che fanno costantemente questo lavoro su se stesse rimangono pochissime. Personalmente, ad oggi, posso dire di aver conosciuto solo tre persone che soddisfano questo requisito.

Prima di chiedere aiuto al Cielo impara a stare sulla Terra

Il concetto di evasione che noi del Project Excape portiamo avanti nasce per liberare le persone dalla società. Questa evasione non riguarda il divenire un eremita in qualche area sperduta della Terra. Piuttosto, imparare ad evadere mentalmente. Imparare a riconoscere i limiti che questa società ci ha imposto significa analizzare i propri pensieri ed emozioni. Capire, in ultima analisi, se questi ci appartengono o meno. Se non ci appartengono, dobbiamo evadere da essi!

Conosco moltissime persone che dedicano parte del loro tempo a pratiche orientali, New Age e via dicendo. Cercano l’illuminazione ma, nel concreto, ripercorrono gli errori che tutti fanno e che ho descritto qui sopra. A cosa serve meditare, se ogni giorno a lavoro ci vai malvolentieri e tratti male i tuoi colleghi? Il motto del Project Excape trae origine da qui, ed è la sintesi di tutto il nostro credo: prima di chiedere aiuto al Cielo impara a stare sulla Terra. Impariamo a padroneggiare i nostri pensieri, ad essere consci di chi siamo e di cosa vogliamo veramente. Capiamo le nostre necessità, i nostri limiti, i punti da migliorare. Partiamo da qui e, solo dopo averci lavorato, iniziamo ad esplorare il Cielo.

Articolo consigliato: Sessualità di coppia oggi: una banale rincorsa all’orgasmo.

FINALMENTE È ARRIVATO

Se non ti piace leggere da Pc o smartphone è pronto l’ebook del Project Excape. Se lo desideri puoi sostenere il progetto leggendo in modo ordinato e cronologico gli articoli più significativi, come se fosse un libro.
Scopri l'ebook

In tutte le librerie digitali come Amazon, Kobo, IBS ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *