HomeStile di vitaPerché perseguire la sincerità in una società falsa e ipocrita?

Perché perseguire la sincerità in una società falsa e ipocrita?

Immagine Perché perseguire la sincerità in una società falsa e ipocrita?

Vivere sereni è indubbiamente uno stato d’essere legato alla felicità. La sincerità è assolutamente indispensabile a una vita serena, e quindi alla possibilità di una vita felice. Vediamo il perché un comportamento sincero può comportare dei vantaggi, anche se spesso si crede il contrario.

La chiave (non nascosta) di una vita serena

Secondo la credenza cristiana, la menzogna è l’origine di ogni male. Io credo che in questa affermazione sia racchiusa una grande verità. Tuttavia ogni persona con qualche anno sulle spalle ha capito che la società in cui viviamo è fondata sull’ipocrisia e sulle falsità, più o meno velate. È credenza comune interpretare i fatti attuali in questo modo: il successo è dei furbi, degli imbroglioni, di chi sa raccontarla, dei manipolatori, di chi si rigira gli altri come un calzino.

Perché perseguire la sincerità in una società falsa e ipocrita?

Ma allora quali sono i vantaggi della sincerità?

Se oggi per riuscire ad avere successo e arricchirsi bisogna ingannare il prossimo, recitare e vivere nella menzogna, che senso ha darsi la zappa sui piedi? Perché mai cercare di essere sinceri? Alla TV non è forse tutto fasullo e finto? I rapporti tra le persone non sono forse tutta una farsa per un proprio tornaconto? La società intera non è forse basata sul profitto monetario, dove tutto il resto è mascherato per raggiungere quel fine? Questa è una delle decisioni più importanti che ogni persona si trova a prendere: essere sinceri e incorrere alle conseguenze del mondo umano o adeguarsi alle falsità per trarne un guadagno e qualche facilitazione (tanto lo fanno tutti). Prima di continuare voglio che tu legga bene questa breve affermazione: nel lungo termine non esistono bugie a fin di bene.

Il mondo sincero e il mondo mendace

Questa scelta da fare capita spesso nella vita. Può essere sotto forma di una relazione che non la sentiamo più nostra ma preferiamo far finta di nulla per paura del distacco, di rimanere soli. Può succedere che non abbiamo voglia di andare a quell’appuntamento e inventiamo una scusa. Capita che accettiamo a testa bassa gli insulti del capo, anche se vorremmo esprimergli le nostre ragioni. Capita quando mangiamo un cibo surgelato e ci convinciamo che sia sano perché è comodo e veloce.

Barattiamo il nostro tempo per uno stipendio maggiore, raccontandoci che riusciremo a seguire comunque le nostre passioni. Ogni volta che ci adeguiamo alle regole del sistema andiamo incontro a sensi di colpa e ad altre conseguenze, dirette o indirette.

Ho detto che non esistono bugie a fin di bene perché tutto scorre ed è in continuo moto. Esiste un mondo più vasto “dietro” al mondo umano (costruito dall’uomo), che chiamo il mondo naturale, dove regna la sincerità. L’uomo può scegliere di seguire le regole del mondo umano per qualsiasi tipo di vantaggio, ma il mondo umano rimane al di sotto del mondo naturale, anche se così può non sembrare. Può sembrare diversamente perché il mondo naturale agisce in modo più lento. Le ripercussioni che derivano dal mondo naturale giungono poi. Per capire meglio ti consiglio di leggere il nostro articolo Tu che credi esista solo il mondo umano, ti sbagli. Puoi farlo ora oppure alla fine di questo post.

Mondo umano e mondo naturale: la falsità e la sincerità

Così come la società è impostata sulla falsità velata, il mondo naturale è basato sulla sincerità, sul vero, sull’autentico. Nell’osservare il mondo naturale è difficile trovare qualcosa di falso, di egoico, con uno scopo diverso dalla sua conformazione. E quando lo si individua deriva sempre da modifiche attuate dal mondo umano. Stessa cosa nelle persone. Più l’essere vivente rispetta la sua natura, più è sincero. In sostanza, più siamo sinceri e più siamo in armonia col mondo naturale e viceversa. Più seguiremo uno stile di vita umano/naturale più saremo sinceri.

L’aumentare della falsità dimostra, viceversa, come siamo invischiati nel mondo umano. Più seguiamo le dinamiche classiche della società più siamo costretti ad essere falsi. Questa è una prova che puoi usare fin da subito: fai caso a quanta falsità è presente nella tua vita e saprai fino a che punto sei impantanato nel mondo umano.

L’uomo semplice e sincero deve essere come chi odora di selvatico, si che uno appena gli si avvicina se ne accorga, anche senza volerlo (Marco Aurelio).

La sincerità - Perfezione

La sincerità caotica

Ciò che non si fonda sul vero ha vita breve, perché viene riportato all’equilibrio naturale delle cose. La natura è perfetta, ma cos’è la perfezione? Voglio metterti in guardia, perché da qui in poi potrai venire a conoscenza di concetti ambigui e all’apparenza incomprensibili dal modo comune di pensare.

La perfezione è l’azione del caos fornita del tempo infinito. Il caos equalizza ciò che viene sfasato dal comportamento umano, ma necessita di tempo. Se si rinchiude il caos in un lasso di tempo allora si avrà un’azione caotica, come succede nel mondo umano, dove lo stesso tempo perde la sua natura per essere imprigionato nell’orologio. Se invece, al moto caotico viene concesso il tempo di riportare all’equilibrio ogni cosa, allora sarà un’azione ordinata, perfetta.

Nel mondo naturale il tempo non viene compresso in schemi di misura. L’antilope non è mai in ritardo per il lavoro, la faina non deve portare i figli a scuola prima del suono della campanella. Nel mondo naturale ogni cosa rispetta la sua essenza. Si forma, cresce e muore nei tempi stabiliti nei millenni. Niente viene accelerato, pompato, incautamente mescolato… Anche in questo caso ti consiglio la lettura di un nostro articolo: Il significato della vita? Dio non gioca a dadi. Leggendolo comprenderai meglio le ultime parole che hai appena letto.

Tutto questo strano discorso metafisico ha un senso, non preoccuparti. Io credo che un atteggiamento sincero può contribuire a farci vivere sereni, perché in base a questa teoria non avremo ripercussioni, perché non ci sarà necessità di forze che vadano a riequilibrare le nostre scelte passate. Al contrario, l’insincero dovrà sempre aspettarsi l’equità del caos. Nel mondo umano non c’è giustizia, ma il mondo naturale è governato dall’equità, e come ho detto, il mondo umano fa parte del mondo naturale. Da azioni false si può avere un vantaggio veloce ma ci si deve aspettare la contro-risposta del mondo naturale per mezzo del caos. È l’esperienza che lo dimostra, chi è consapevole può accorgersene. Vige quindi un’equità più alta che agisce in un modo che a noi umani moderni sembra lento, poiché siamo più “morti” e quindi più impazienti e ansiosi che mai.

Essere sempre sinceri per vivere sereni

Io amo la sincerità. Essere sincero, mi rende sicuro, mi rende gioioso con me stesso e con gli altri. Quando mi trovo in una situazione che mi porta a mentire, anche se si tratta di dire che ho mangiato pizza al posto della pasta, non so perché ma mi sento male. Anche se non cambia nulla (o sembra non cambiare nulla) falsare la realtà genera una serie di eventi che torneranno indietro come un boomerang. Questo succede anche nei frangenti che possono essere nobili o privi di malignità. Come ad esempio nella ricerca della felicità e del piacere. Tante persone cadono nelle trappole della menzogna specialmente quando parlano con loro stesse. Falsano il momento, se la raccontano, dicono di stare bene, ma non è così. Si dicono che il loro matrimonio è felice, ma non è così, dicono che sono contenti della loro vita… ma non è così.

Non falsare il momento con la tua voglia di star bene

Tutti noi, oggi, siamo costretti a recitare all’interno del mondo umano. Acuto è colui che recita la parte a cui non si identifica. Riconosce la falsità della recita, riconosce le maschere e le accetta come strumento per sopravvivere all’interno del mondo umano. In quel momento può scegliere di che maschera servirsi, ma lo fa consapevolmente, sapendo di star recitando una parte perché la situazione lo richiede. Non è di certo il massimo, perché la recita, se non ha uno scopo “teatrale” o giocoso di breve durata, contiene sempre della violenza verso di sé, e dunque sofferenza. Ma almeno ne è consapevole, ed è già una grande conquista.

Non c’è nulla di meglio della sincerità. Srotola le matasse, rimuove ogni velatura e trasmigra alla fonte di ogni perplessità. Prova una volta nella vita ad essere completamente sincero. Col tuo amico, con tuo figlio, con tua moglie o marito, col panettiere, col vicino, con te stesso (soprattutto). Sincero! Sincero col mondo che ti circonda.

Questa è una delle mie regole non regole, nel senso che non la sento come un’imposizione… la vivo in modo naturale e sano. Vivere sereni al giorno d’oggi sembra essere diventato un tabù. Prova a ricordarti di essere sincero, in qualunque caso, in qualunque contesto, e osserva come tutto muta nel breve e nel lungo periodo. La sincerità può essere applicata in qualsiasi momento, e non aspettarti nulla in cambio, se non un grande benessere con te stesso e con il mondo.

Articoli consigliati: Cos’è la verità assoluta? La saggezza dell’acqua.

FINALMENTE È ARRIVATO

Se non ti piace leggere da Pc o smartphone è pronto l’ebook del Project Excape. Se lo desideri puoi sostenere il progetto leggendo in modo ordinato e cronologico gli articoli più significativi, come se fosse un libro.
Scopri l'ebook

In tutte le librerie digitali come Amazon, Kobo, IBS ecc.

4 commenti su “Perché perseguire la sincerità in una società falsa e ipocrita?”

  1. La sincerità è una falsa chimera.

    Bisogna aver coraggio, ovvero fare le cose col cuore, quando diciamo la verità.

    Dal mio punto di vista in questo modo viviamo in armonia con l’universo e con sé stessi.

    1. Wow, a prima vista non sembra, la tua definizione può trarre in inganno, ma le parole falsa chimera mi piacciono proprio. “La sincerità è una falsa chimera”, lo si può considerare anche un bellissimo aforisma (dato che io ne sono appassionato).

  2. Applicare la sincerità alla propria vita porta sicuramente grandi cambiamenti, intendendo con sincerità non solo il non mentire e il non raccontarsela, ma anche il lavoro di guardare oltre le abitudini, le tradizioni e i presupposti comuni. Essere attenti, insomma, a individuare quello in cui credi e distinguerlo da quello che non ti appartiene. A proposito, buon Natale un po’ in ritardo, a te e Alessandro, e buon tutto il resto che arriva. 🙂

    1. In sostanza: la consapevolezza porta alla sincerità e viceversa.
      Grazie del tuo pensiero, anche noi ti auguriamo non solo un buon natale, ma giorni felici anche dopo la befana 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *