HomeL'angolo ecletticoLa forza del pensiero positivo è una cagata pazzesca

La forza del pensiero positivo è una cagata pazzesca

Immagine La forza del pensiero positivo è una cagata pazzesca

Pensare positivo è il primo step della resa. Vivere positivo è la prima fase della discesa nel mondo illusorio, o come direbbe Dante: nel mondo degli inferi. Credere nella forza del pensiero positivo significa scappare dalla verità.

Analogia tra la speranza e la forza del pensiero positivo

Non sei felice e trovi un modo per esserlo? Potresti affidarti al concetto del pensiero positivo per poter cambiare la tua vita in meglio. Potrebbe sembrare un buon comportamento da adottare. Cosa mai ci può essere di malvagio? Io invece ti dico che è una mancata sincerità nei confronti del mondo e di te stesso.

Se ti costringi a vivere positivo significa che ti sei arreso, perché il tutto si traduce nel pensare che la vita sia una lotta da vincere, la tua tragedia da superare. La vita è difficile e quindi devo reagire pensando positivo. Pensa positivo, ti dicono alcuni, e spera in un futuro migliore. Ecco vedi, sperare e la forza del pensiero positivo affiorano da una natura pessimista. Sperare e pensare positivo sono atteggiamenti molto simili e dirigono il cammino nella medesima direzione.

La forza del pensiero positivo - La porta dell'inferno

Questi due sentieri quasi identici fanno giungere l’uomo alla porta dell’inferno, che io chiamo resa e passività. Attenzione però, esistono due tipologie di resa. Arrendersi alla verità e alla vita vera o arrendersi alla sofferenza e alla mancanza di energia. Qua dovrei aprire un altro capitolo, ma per il momento mi fermo qua.

Sperare rende passivi, perché lo stesso atto del sperare recide l’azione come rimedio alle angosce della vita moderna. E io che posso fare se il mondo va così? Nulla, posso solo sperare in un futuro più roseo. Molti però si sono accorti che mentre si aspira e si spera in un avvenire migliore la vita scorre via velocemente. Solitamente sono sempre le persone anziane, al culmine della loro esistenza, a godere di simili riflessioni. Forse dovremmo accorgercene un po’ prima di essere ad un passo dalla morte, non credi?

Affidarsi alla forza del pensiero positivo non è una questione diversa. Il mondo fa schifo, la mia vita è perennemente costellata di problemi, quindi mi hanno insegnato che l’unica cosa da fare è pensare positivo. Fatto sta che in ogni caso, che io veda il positivo o che io speri in meglio, non faccio nulla per avvicinarmi a una vita degna di essere vissuta. Credere in questa forza può sembrare una reazione ma è una forma di resa poco più velata.

Un pugno in faccia è positivo?

Come ho scritto in un precedente articolo, non è necessario pensare positivo, perché è la vita stessa ad essere positiva. Se ti costringi a trovare il buono nelle cose della vita, significa che inconsciamente ritieni quelle cose cattive, sbagliate o non piacevoli. È vero che tutto dipende dal modo di interpretare gli eventi e da come ci rapportiamo ad essi, tuttavia un pugno in faccia rimane un pugno in faccia. Vediamo se riesci a trovare il positivo nella sensazione dei denti che si frantumano, nel dolore lancinante che penetra nel cervello come un coltello, nel tonfo che risuona in tutta la cassa cranica. Esistono fattori adatti all’essere umano ed altri meno adatti a lui. Al contempo però, una melodia può essere definita angosciante, oppure evocativa. Un’umiliazione può essere una tragedia, oppure un’opportunità per comprendere la propria personalità. Un pugno in faccia quindi può essere una grande sofferenza, oppure una situazione che ci fa sentire vivi, riconnettendoci alla realtà. Purtuttavia rimane un pugno in faccia.

L’errore sta nella forzatura del vivere positivo, nel partire dal presupposto velato che la vita sia acerba e che vada condita col miele del positivismo in stile new age. Come ho detto in articoli precedenti, ciò che si fonda sullo sforzo ha vita breve. Stessa cosa con il pensiero positivo insincero. Non cercare dunque di insozzare l’istante presente con la tua voglia di star bene. Se stai male, stai pur male. Sei ansioso? Sii ansioso! Assapora tutto il tuo star male, respiralo… vivilo da sveglio, permettiti di star male. Questo sì che è vivere positivo! Questa è la vera forza del pensiero positivo.

Quando rinunciamo a desiderare che in un dato momento accada qualcos’altro la nostra capacità di misurarci col presente compie un grande passo avanti (Dovunque tu vada ci sei già).

Perché ostinarsi a cercare la dolcezza in un mondo di marmellata?

Questi concetti ti sembrano forse ambigui? Non è necessario pensare positivo quando si conosce il proprio valore personale, quando si è contenti della persona che si è. Quando siamo felici per ciò che siamo, quando proviamo gioia per la vita che stiamo creando e per il semplice fatto di esistere e sperimentare ogni tipo di esperienza… riflette in noi la consapevolezza che la natura della vita (vera) è realmente positiva. Partendo da questo presupposto non è necessario il falso sforzo del cercare il positivo, ma prima (leggi bene le prossime righe) è indispensabile cominciare a vivere per capire che la vita è positiva. Ossia essere svegli, liberi dal torpore della normalità.

Da svegli siamo felici, tutto è fantastico e irrilevante allo stesso tempo. Direi che tutto è irrilevantemente bello. Per il solo fatto che esistiamo, che in questo momento siamo vivi e possiamo prendere qualsiasi scelta, e possiamo fare le esperienze che più ci aggradano, tutto è positivo. Il mondo è un vaso di marmellata! Perché ostinarsi a cercare il dolce quando ne siamo circondati? Assaporala semplicemente. Questo, per me, è vivere in modo positivo. La forza del pensiero positivo non ti servirà più a niente, se assaporerai ogni giorno tutto quello che ti capiterà.

Altri articoli consigliati:Tecniche ed esercizi di respirazione, perché devi essere prudente. Mollo tutto e vado a farmi un tè col cappellaio matto e Cosa bisogna fare per essere felici? La risposta a qualsiasi domanda.

FINALMENTE È ARRIVATO

Se non ti piace leggere da Pc o smartphone è pronto l’ebook del Project Excape. Se lo desideri puoi sostenere il progetto leggendo in modo ordinato e cronologico gli articoli più significativi, come se fosse un libro.
Scopri l'ebook

In tutte le librerie digitali come Amazon, Kobo, IBS ecc.

4 commenti su “La forza del pensiero positivo è una cagata pazzesca”

  1. Credo che l’articolo si tradisca nel finale…è tutto basato su un ragionamento razionale del tutto lecito e per questa ragione fatto nella visuale più esterna possibile, senza essere di parte in modo da ottenere una critica il più possibile completa. Tuttavia le inibizioni sono svanite affermando che tutto nella vita è positivo, facendo crollare il castello… il termine “irrilevantemente bello” era secondo me il termine perfetto per poter trasmettere questo messaggio senza sbilanciarsi, prendere tutte le esperienze della vita, vivere ogni emozioni, bella o brutta che sia è irrilevante perchè è proprio questo il bello di vivere, ma questo non implica che sia positivo.

    1. Ciao Roberto e benvenuto.
      Cerco di spiegarmi: a inizio articolo sembra che fondamentalmente faccia un discorso da realista, ossia da mediano. Nel mezzo abbiamo il realista, da un lato il pessimista e dall’altro l’ottimista. Fin qua ci siamo.
      Ma poi cerco di far capire che l’errore non è nel pensare positivo, ma nell’insincera forzatura nel farlo, e nel motivo per cui lo si fa. Credo che la maggior parte delle persone lo faccia perché si è arresa, perché nel profondo crede che la vita sia uno schifo, e allora qualcuno gli ha insegnato a dargli contro pensando positivo. Io invece credo che la vera natura della vita sia positiva, per questo non penso positivo. Per me essere realisti è essere positivi, tutto qua. Mi rendo anche conto della difficoltà di spiegare questo concetto, ma il bello è anche questo.
      L’esempio del pugno in faccia spiega ciò che intendo: la sensazione non mi piace, non cerco di farmela piacere per forza, e cercherò di evitarla il più possibile, ma al momento me la vivo. Inoltre il pugno in faccia credo sia la reazione ad una causa precedente in cui si viveva la vita in modo negativo, ma questo è un altro discorso.

      1. Ho capito benissimo il senso del messaggio nell’articolo, la mia critica è diretta ad una piccolissima parte, ovvero proprio il concetto espresso da realista secondo cui la natura della vita è positiva. Il concetto di natura, per non parlare poi di quella della vita, è fin troppo delicato, lo stesso termine “affrontare la vita” è sbagliato, poichè se è vero che la vita è un misto di astrazione e concretezza superiore a noi ma che trova il suo riscontro proprio nella persona umana, non possiamo sapere la sua natura e di conseguenza dobbiamo parlarne in modo più esterno ed inibito possibile per avere una visione il più possibile completa. Questo non si verifica affermando che la natura della vita è positiva, poichè affermando ciò non si parla da realista e si va in contraddizione col modo “irrilevantemente bello” di vivere. Per farti un esempio più concreto utilizzando la tua stessa metafora del “pugno in faccia”, la vita di un individuo potrebbe anche terminare col “pugno in faccia” non traendo nessuna natura positiva, anzi. Spero di essermi chiarito meglio, affermare che vivere è bello perchè facendo ciò possiamo fare ed apprezzare esperienze che hanno dell’incridebile, belle o brutte che siano non implica dire che la natura della vita sia positiva.

        1. Andrea Di Lauro

          Allora diciamo che quella piccola parte è una mia personale visione della vita 🙂
          Sono contento che ciò che divulghiamo stimola il tuo interesse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *