HomeStile di vitaIstruzioni per rendersi infelici può renderti felice!

Istruzioni per rendersi infelici può renderti felice!

Immagine Istruzioni per rendersi infelici può renderti felice!

Da Istruzioni per rendersi infelici di Paul Watzlawick:

[quote author=”Paul Watzlawick”]Un uomo, ubriaco fradicio, sta cercando qualcosa sotto la luce di un lampione. Dopo aver chiesto cosa stesse cercando, un poliziotto aiuta lo sfortunato nella ricerca delle chiavi di casa. Il tempo passa senza risultati, e allora il poliziotto chiede se è proprio sicuro di averle perse in quel punto.L’altro risponde: “No, non qui, là dietro; solo che là è troppo buio”.[/quote]

Istruzioni per rendersi infelici può sembrare un titolo ambiguo o che vuol prenderti per i fondelli. Può sembrare anche paradossale per colui che cerca un modo per trovare la felicità all’interno di queste pagine. Il brevissimo testo di Watzlawick (si legge in due ore scarse) non intende certo sfottere, come vedrai… o forse si?

Istruzioni per rendersi infelici - Recensione #7

Due righe su Paul Watzlawick

Paul viene definito uno psicologo, ma anche un sociologo e un filosofo. Di lui si ricordano maggiormente i suoi contributi nella scuola di Palo Alto in California, dove collaborò con Gregory Bateson, le cui citazioni mi sono state utili nell’articolo: Il rapporto tra scienza e fede è molto più stretto di ciò che credi.

Non dimentichiamo i suoi anni d’insegnamento all’università di Stanford (psichiatria e scienze comportamentali). Esperto di comunicazione, è stato molto attivo dagli anni sessanta fino agli anni novanta.

Perché continuiamo a cercarla sotto i lampioni?

Il breve aneddoto a inizio articolo è un esempio perfetto per capire l’ottusità del pensiero comune. Questo vuole sottolineare come l’essere umano sia stato istruito a cercare la felicità in un luogo che non potrà mai donargliela. L’essere umano degli ultimi decenni in cuor suo sa che non potrà mai trovare la gioia sotto il lampione. Si ricorda di averla perduta in quella zona più buia, eppure si ostina imperterrito nella sua ricerca.

La sua condizione alcolica, di anestesia mentale e fisica non lo aiuta di certo. Forse lo aiuta a raccontarsela, a dirsi che la felicità si può trovare vicino al lampione. Così gli hanno insegnato, ma soprattutto, così è molto più comodo. È innegabile, è molto più comodo cercare la felicità sotto la luce del lampione anche se sappiamo di non averla persa in quel punto e in quel tempo. Non serve pensare, attivarsi, investigare, creare per cercarla. In questo caso si deve solo dare ascolto a ciò che ci hanno raccontato sulla felicità: la troverai lì, sotto il lampione.
Così diamo ascolto ai consigli comuni anche se ogni giorno vediamo un’orda di ubriachi che cercano la felicità sotto i lampioni senza trovarla. Le chiavi però sono da un’altra parte.

[thrive_lead_lock id=’7316′]Hidden Content[/thrive_lead_lock]

Ricordi qual è uno degli atteggiamenti più conosciuti ma al contempo più praticati dagli uomini?
Fare ogni giorno le stesse azioni aspettandosi un risultato diverso. Milioni di esseri umani infelici e insoddisfatti della propria condizione continuano a cercare la gioia sotto il lampione sperando di trovarla in futuro. Alcuni non hanno vissuto abbastanza per essersi resi conto che gli altri fanno la stessa cosa e non l’hanno ancora trovata. Altri, invece, sono consci di dover entrare nell’angolo buio, perché lì l’hanno persa, ma non possiedono più l’energia per incamminarsi in quel punto.

Istruzioni per rendersi infelici può renderti felice! - Gelato alla Fragola

Io scelgo il gelato alla fragola

Come dice l’autore, questo modus operandi è basato sull’ostinata fedeltà nei confronti di adattamenti e soluzioni che in un imprecisabile passato si rivelarono sufficienti. Ma fermiamoci un attimo a pensare. Quando eravamo bambini eravamo l’essere più felice al mondo quando la mamma ci portava a mangiare il gelato. Solo il poter dire io scelgo il gelato alla fragola ci rendeva una gioia inspiegabile.

Oggi quale effetto ci dona il poter scegliere il gusto del nostro gelato?

Istruzioni per rendersi infelici può direzionarti verso la gioia

Il carattere geniale di Istruzioni per rendersi infelici risiede proprio nel suo modo di presentarsi, già dal titolo. Non si tratta del classico libro impostato in modo serioso e lineare. Non c’è trippa per gatti pigri, né regole da mettere in pratica. Al contrario, si trovano le regole che quotidianamente eseguiamo, più o meno consciamente, le quali ci immobilizzano in una condizione insoddisfacente.

Questo stile d’insegnamento, di presa di coscienza, costringe il lettore a individuare ed estrarre in autonomia i comportamenti assurdi che ci rendono infelici. Perché, a mio avviso, nulla può renderti felice, ma esistono infinite cose che ti rendono infelice e ti incollano a quello stato.

Questa inversione del processo di insegnamento è molto più godibile ed efficace. Al posto di elencare cosa può renderti felice, consiglia le istruzioni da seguire per rendersi infelici, dato che, come ho detto, nulla rende felici.

In questo modo, il libro, che non desidera essere per nulla pretenzioso, riesce nel suo intento. Lo consiglio a chi non cerca il solito elenco con annesse spiegazioni per trovare quella sconosciuta, quella latitante condizione umana che è pena per molti, ragion di vita, o normalità per altri.

C’è solo un modo…

Quasi tutti pensano di agire in modo giusto, malgrado tutte le prove contrarie le loro azioni abitudinarie sono normali e le uniche possibili. Ma solo una cosa può dirci se stiamo agendo veramente nel modo giusto, o meglio, solo una risposta sincera a questa domanda può rivelarcelo: sono veramente felice oppure no?

[quote author=”Paul Watzlawick”]L’uomo è infelice perché non sa di essere felice. Soltanto per questo. Questo è tutto, tutto! Chi lo comprende sarà subito felice, immediatamente, nello stesso istante.[/quote]

Questo articolo sul piccolo libro Istruzioni per rendersi infelici fa parte del Tag Libri: al suo interno potrai trovare delle analisi di alcune opere che prendono in considerazione la felicità umana e in alcuni casi argomenti che sondano altri aspetti della vita. Ti consigliamo anche Schopenhauer e L’arte di essere felici da un maestro del pessimismo.

[alert]Articoli consigliati: Trovare la pace interiore: vedo me stesso in ogni cosa e I limiti del mio linguaggio sono i limiti del mio mondo.[/alert]

[button text=”RECENSIONI #6″ url=”https://www.projectexcape.it/tafti-la-sacerdotessa-recensione/” icon-class=”fa fa-arrow-left” background=”blue” size=”btn-lg” /][button text=”RECENSIONI #8″ url=”https://www.projectexcape.it/larte-di-essere-fragili/” icon-class=”fa fa-arrow-right” background=”blue” size=”btn-lg” /]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *