HomeCreare la realtàCos’è la felicità? Che relazione ha con la legge di attrazione?

Cos’è la felicità? Che relazione ha con la legge di attrazione?

Immagine Cos'è la felicità? Che relazione ha con la Legge di attrazione?

Cos’è la felicità? Che relazione ha con la Legge di attrazione? fa parte della serie Crea la tua Realtà. Per realizzarla ci sono volute parecchie settimane di lavoro, senza includere gli anni di esperienza che abbiamo maturato per poterne parlare con cognizione di causa. Abbiamo deciso di renderla disponibile per chiunque tramite il Project Excape.

La legge di attrazione, almeno com’era stata divulgata al principio, descriveva una sorta di metodo, o di tecnica, che prometteva di farti raggiungere i tuoi desideri. In pratica, bastava solamente mettersi comodi e cominciare a immaginare il proprio obbiettivo come se fosse già raggiunto, senza preoccuparsi di tutti gli ostacoli che potevano presentarsi nella realtà. Per saperne di più ti lasciamo il link a Wikipedia: The Secret.

Capitolo 3 - Legge di attrazione

Cos’è la felicità? Come fare per raggiungerla? Come essere felici? Esiste la felicità? Perché dura così poco? Tutti si sono fatti queste domande, ad un certo punto della loro vita. Molti non vi hanno ancora trovato risposta. I pochi fortunati ad averla trovata è probabile che l’abbiano travisata. La risposta esiste, ed è più semplice di quello che si possa pensare. Secondo la mia visione di vita nulla e difficile, tanto meno una cosa così semplice e naturale come l’essere felici.

Tu non sai cos’è la felicità

Da qualche anno mi considero un esperto di felicità. Potrò sembrarti superbo. Potrai pensare che io mi creda più felice di te, ma non è questo ciò che intendo. Non voglio assolutamente dire di essere più felice di te. Penso solo di sapere cosa sia la vera felicità. Ecco, lo sapevo, ora il discorso sembra peccare ancor più di superbia. 😉

Ci capita spesso di provocare le persone con i nostri articoli. La ragione non sta nella provocazione fine a sé stessa, ma nell’emozione che porta. L’emozione è costruttrice di uno stato d’animo diverso da quello presente nel momento subito precedente alla lettura di questo post. Non è necessario che sia positiva o negativa. Un’emozione smuove la statica noia e spinge all’azione. Giusto per rincarare la dose, voglio rivelarti una cosa che probabilmente ti irriterà. Molto probabilmente tu non sai cos’è la felicità. Se veramente già lo sai, allora vuol dire che non ti sei irritato affatto. 😀

No, non pensare a quando il tuo fidanzato ti ha regalato il braccialetto in oro bianco. Non pensare nemmeno a quando l’altro giorno gustavi il tuo piatto preferito o i tuoi dolci deliziosi, e neanche alla bramosa aspettativa della nuova puntata della serie televisiva che adori. Ma non pensare nemmeno che la felicità derivi dalla tua meravigliosa famiglia, dalla mansione che più ti piace o dalla realizzazione dei tuoi desideri più ambiti.

La felicità è fatta di attimi, la felicità è soggettiva, la felicità è la meta

Le situazioni che ti ho elencato prima non rappresentano la felicità ma l’euforia. La felicità, quella vera, non ha causa. Ti sembro troppo astratto o idealista? Niente affatto. Gli articoli che seguiranno sulla vera gioia saranno basati su un preciso percorso fondato sull’agire. Rimani in contatto con noi per scoprire un passo alla volta cos’è la felicità vera. Ma perché stiamo parlando di felicità? Cosa c’entra con la legge di attrazione o (come a noi piace definire questo campo) col giocare con la realtà?

Cominciamo col vedere cosa non è la felicità. Prima di ciò, però, ti consiglio di aggrapparti saldamente alla poltrona e di concederti due o tre bei respiri rilassanti, perché ciò che leggerai potrà farti spegnere il PC in uno scatto di rabbiosa incredulità. Ok, ho esagerato, solo per il fatto che stai leggendo qui significa che sei una persona di ampie vedute. Rimane comunque il fatto che quello che sto per dirti è controintuitivo. È l’unico modo per arrivare alla vera natura della felicità.

La felicità è fatta di attimi, di momenti.
La felicità è soggettiva, ciò che rende felice me può non rendere felice te.
La felicità è la meta finale di ogni uomo e per questo bisogna comprendere la causa della felicità.

Ecco, queste che ho scritto sono le più grandi balle che puoi sentire quando si parla di felicità. Alcune di esse sono veramente molto ripetute, sono credenze popolari, vanno di moda e vengono sbandierate senza alcun pensiero critico di ciò che si sta in realtà dicendo. Vuoi la prova? In tanti credono a queste affermazioni, ma quante persone realmente felici conosci? Se queste affermazioni fossero vere, dato che moltissimi le credono vere, allora moltissimi dovrebbero sprizzare gioia da tutti i pori. Invece mi sembra proprio il contrario.

Ma allora cos’è la felicità?

E se io vi dicessi che la felicità non è assolutamente la meta ma soltanto il punto di partenza di un’esistenza realmente felice?

La felicità non è assolutamente la meta (finale).
La felicità non è composta di attimi o di piccoli momenti.
La felicità non deriva da nessuna causa specifica (conosciuta).
La felicità non è assolutamente una questione soggettiva.

Se intendi la felicità come l’arrivo non ci arriverai mai. Se invece la vedi come il punto di partenza che darà una svolta alla tua vita, allora tutto diverrà molto più facile. Una delle credenze più inesatte è quella del pensare che la felicità sia una sensazione passeggera. Amico mio, una volta che sei felice lo sarai per sempre! Questo te lo posso garantire senza ombra di dubbio. Quando sei felice lo sai con certezza, perché lo sei sempre, qualunque cosa succeda.

Pensiamo sempre di dover raggiungere dei desideri per essere felici. La faccenda funziona totalmente al contrario. Solo un’esistenza felice origina grandi risultati. In poche parole, è la felicità a renderci facilmente il desiderio, e non il desiderio raggiunto a renderci felici.

Un solo ingresso per il regno della felicità

Tuttavia la parte più coriacea, quella più dura da digerire dall’opinione comune è quella della soggettività della questione. La felicità è lo stato naturale dell’uomo, ma le istituzioni moderne ce l’hanno sottratta col nostro consenso nel corso dei secoli. Questo fatto è avvenuto da procedimenti ben precisi, sicché tutti, nessuno escluso, devono fare il medesimo percorso per ritornare nello stato naturale umano. So che può sembrare strano, eppure credimi: ogni persona, se vuole realmente essere felice, deve passare per un’unica porta. Il raggiungimento della vera gioia non è assolutamente una questione soggettiva. Solo dopo aver trovato la felicità la questione diventa soggettiva. Solo una volta che siamo passati dalla porta e siamo realmente felici possiamo aumentare il grado della nostra gioia tramite fattori soggettivi. Ma non sono questi, come si pensa, a regalarti la vera gioia.

Con tutto questo discorso voglio farti capire l’importanza che ha un’esistenza felice nell’adempimento dei nostri obiettivi. Non c’è tecnica che regga il confronto. Non c’è ripetizione, immaginazione o visualizzazione che raggiunga il beneficio di uno stato gioioso. Se siamo felici non ci serve nulla per esserlo, ed è proprio questa tranquillità che ci spinge semplicemente verso ciò che può rendere ancora più gioiosa la nostra vita. Percepiremo il desiderio non come una mancanza, ma come un qualcosa che già ci appartiene, e che deve soltanto dispiegarsi.

Ma qual è la porta a cui mi riferisco? Se hai letto i precedenti articoli di Gioca con la Realtà conosci già la risposta. La direzione che hai intrapreso con la nostra prima serie sulla legge di attrazione è la soluzione di ogni problema umano moderno. Lì abbiamo capito qual è la porta. Ma come si può varcarla facilmente? Questo è il compito che abbiamo dato alla serie chiamata Radice. Ricorda dunque che un sincero stato di felicità è la base per la concretizzazione dei tuoi intenti.

Non c’è vera soddisfazione nel concretizzare i propri desideri. La vera gioia nasce quando si ha la consapevolezza che possiamo concretizzare qualsiasi desiderio.

VAI AL CAPITOLO 4

FINALMENTE È ARRIVATO

Se non ti piace leggere da Pc o smartphone è pronto l’ebook del Project Excape. Se lo desideri puoi sostenere il progetto leggendo in modo ordinato e cronologico gli articoli più significativi, come se fosse un libro.
Scopri l'ebook

In tutte le librerie digitali come Amazon, Kobo, IBS ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *