HomeCreare la realtàConfusione mentale nell’approccio alla legge di attrazione

Confusione mentale nell’approccio alla legge di attrazione

Confusione mentale? Tranquillo, è normale

Confusione mentale nell’approccio alla legge di attrazione fa parte della serie Gioca con la Realtà. Per realizzarla ci sono volute parecchie settimane di lavoro, senza includere gli anni di esperienza che abbiamo maturato per poterne parlare con cognizione di causa. Abbiamo deciso di renderla disponibile per chiunque tramite il Project Excape.

La legge di attrazione, almeno com’era stata divulgata al principio, descriveva una sorta di metodo, o di tecnica, che prometteva di farti raggiungere i tuoi desideri. In pratica, bastava solamente mettersi comodi e cominciare a immaginare il proprio obbiettivo come se fosse già raggiunto, senza preoccuparsi di tutti gli ostacoli che potevano presentarsi nella realtà. Per saperne di più ti lasciamo il link a Wikipedia: The Secret.

Capitolo 2 Legge di attrazione

Il primo ostacolo che si presenta ad ogni individuo che si diletta con la legge di attrazione è una fastidiosa confusione mentale. Può sembrare banale a sentirsi, ma questa incapacità immaginativa, che si traduce appunto in una vera e propria confusione mentale, è il principale problema che fa dissuadere la grande maggioranza delle persone.

È capitato anche a me e, molto probabilmente, se sei arrivato fino a questo secondo appuntamento (qui trovi il primo articolo della serie Legge d’attrazione e l’albero di mele), questo difetto si è manifestato anche nelle tue visualizzazioni. Dopo qualche minuto, se non addirittura dopo qualche secondo, il nostro film mentale viene interrotto da immagini o rappresentazioni che esulano dal nostro controllo. In fin dei conti, non siamo così padroni della nostra mente.

Così torna ad emergere il classico dialogo interiore che raramente si dilegua. Questo, il più delle volte, viene accompagnato dai pressanti pensieri di tipo sociale (sono in ritardo per il lavoro, devo portare mio figlio alla partita di calcio, devo preparare la cena, devo truccarmi prima di uscire di casa ecc.), che non fanno altro che aumentare la nostra confusione mentale.

La confusione mentale e il moderno stile di vita

Tutto questo è una logica conseguenza del moderno stile di vita, perché viviamo all’interno di un sistema che non è conforme alla nostra reale natura. Siamo continuamente infilzati da stimolazioni sensoriali di ogni sorta, fagocitate da una società che giorno dopo giorno ci sta estirpando ogni guizzo vitale.

Il nostro habitat artificiale è incessantemente invaso da informazioni di ogni genere. Queste continuano a penetrare in noi, che ci piaccia o meno. Tutta quest’inutile immondizia sensoriale va ad intaccare il nostro inconscio e danno vita alle nostre attuali credenze: queste non fanno altro che confermare, per automatico riflesso, la distorta veridicità di quelle informazioni.

Questo mondo di immagini ha ucciso l’immaginazione (James Hillman).

Questa incapacità, almeno per chi ha un grado di consapevolezza poco più “sveglio” della norma, ci fa capire che è la mente a utilizzare gli individui di oggi, e non l’inverso, come dovrebbe essere. È lei che ci utilizza, perché è sempre lei a decidere cosa pensare, cosa fare, cosa dire. È qui che nasce la nostra confusione mentale.

Chi o cosa ha creato queste menti? Sono state le scelte e le azioni che giorno dopo giorno le persone hanno pensato e compiuto.

Chiediti, da cosa sono dipese queste azioni? Da ciò che tu volevi fare o desideravi? Veramente è stato così? No, perché prendono vita dal volere dell’ambiente. Le nostre azioni giornaliere non nascono da noi ma dall’ambiente. Tutti noi, chi in maggior misura, chi meno, siamo preda di un’allucinazione e costantemente in confusione mentale. Durante le nostre giornate crediamo di prendere decisioni che dipendono da ciò che noi vogliamo, e non ci accorgiamo che invece nascono dal volere del sistema. Sarebbe più corretto dire che nascono dalla coscienza del sistema. In un certo senso, il sistema è vivo, ma di questo ce ne occuperemo in futuro.

La radice del problema non è da cercare in noi, ma nel luogo in cui viviamo

Ci chiediamo sempre perché non riusciamo nei nostri intenti, perché siamo spesso pigri e svogliati, perché siamo spesso malati, irritati. Non sarà mica questa la vera natura dell’uomo? Non sarà mica questa la vita?

L’uomo di per se non è stupido, è il sistema da lui creato ad essere stupido e a renderlo di conseguenza stupido.

L’uomo è l’unica creatura del pianeta ad avere creato una sovrastruttura che trascende la normale natura. La sovrastruttura lo plasma a sua immagine, come uno stampino che produce umani totalmente uguali tra loro. Per questo, in sostanza, esistono due tipi di desideri: quelli falsi e quelli sinceri. Forse ti stupirà saperlo, ma entrambi si possono raggiungere. Eppure è presente una sostanziale differenza, che vedremo dettagliatamente nel prossimo articolo.

Stai pure tranquillo, non mi sono dimenticato della soluzione. Abbiamo individuato la causa di questa confusione mentale, di questa incapacità di immaginazione che colpisce tutti gli individui di oggi. Questa viene generata dal luogo in cui viviamo.

Ora, come è d’abitudine procedere, potrei occuparmi anch’io delle foglie. Ma così facendo perderei di vista la vera causa, la radice. Potrei anch’io mettermi ad elencare le tipiche raccomandazioni. Allenati, agisci, comincia con 10 minuti al giorno di visualizzazioni, poi aumenta progressivamente, passa a 20, poi a 30 minuti e via dicendo.

Possiamo combattere la nostra confusione mentale, ma non lo facciamo

Eppure, il problema è che ormai sappiamo cosa fare, ma per qualche motivo non abbiamo la forza di farlo. È inutile spendere parole in questa direzione. Non serve che sia io a dirti di allenarti, non intendo di certo insultare la tua intelligenza. Ci siamo resi conto della ragione primaria, ed è lì che bisogna concentrarsi se si vogliono constatare dei cambiamenti concreti. Non è complicato capire quale possa essere la soluzione. Comunque la vedremo prossimamente, ma prima devo parlarti delle tre motivazioni principali di questa difficoltà. Nei prossimi articoli di questo spazio dedicato alla legge di attrazione ne parleremo abbondantemente.

VAI AL CAPITOLO 3

FINALMENTE È ARRIVATO

Se non ti piace leggere da Pc o smartphone è pronto l’ebook del Project Excape. Se lo desideri puoi sostenere il progetto leggendo in modo ordinato e cronologico gli articoli più significativi, come se fosse un libro.
Scopri l'ebook

In tutte le librerie digitali come Amazon, Kobo, IBS ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *