HomeStile di vitaCome si fa ad essere felici? Foglie, rami e radici

Come si fa ad essere felici? Foglie, rami e radici

Immagine Come si fa ad essere felici? Foglie, rami e radici

Credo che molti lettori non abbiano ancora capito cosa questo progetto voglia dire più di ogni altra cosa. Come si fa ad essere felici tra foglie, rami e radici è un titolo simpatico che ho scelto per l’occasione, poiché si adatta perfettamente a ciò che voglio dire. Sento proprio il bisogno di far decantare l’essenza di questo progetto.

La Radice, oltre benessere e salute

Ho spesso invitato alla lettura della serie Radice, e non l’ho fatto a casaccio o per un qualche tornaconto. Da qualche mese, o forse più, ho questa sensazione che la radice sia stata sottovalutata, scambiata per altro. Secondo me perché fraintesa e appunto, associata ad altri argomenti similari. Ma sono abituato a questo, perché sono le foglie ad attirare l’attenzione, come sempre.

Questo contenuto è composto da 11 capitoli (articoli). Tralasciando ora i primi 4 e l’ultimo, dal 5 al 10 abbiamo i 6 fattori essenziali che trasformano il nostro stile di vita. Andando ad apportare modifiche graduali e costanti in questi 6 campi si otterrà un determinato risultato.

Ora, sono ben conscio di non aver detto nulla di totalmente nuovo o strabiliante, se non in alcuni casi. Non ho di certo rivoluzionato l’informazione alimentare, né quella destinata al ciclo respiratorio. Non ho di certo stravolto il campo dell’attività fisica, del movimento del corpo umano, conosciamo tutti i benefici e la rilevanza di un sana attività motoria. Non ho scoperto l’acqua calda quando evidenziavo la disinformazione riguardo l’esposizione solare, anche se lo reputo un argomento alquanto travisato. E non ho nemmeno inventato nulla di nuovo nell’informare della necessità di un silenzio esteriore e di un silenzio mentale.

La struttura che connette

La vera rivoluzione di pensiero, e per conseguenza, di azione, avviene nell’interazione di questi 6 fattori, nel supporto che l’un l’altro si danno a vicenda. Crescere in un solo campo è molto complicato se gli altri vengono trascurati, al contrario, piccoli miglioramenti in tutti e 6 mettono in moto un circolo virtuoso che accresce ogni elemento. Questa è la rivoluzione, la semplicità del processo di crescita se si lavora in tutti e 6 i campi spiegati in Radice.

Per capire l’indispensabilità di questo lavoro privo di sforzo, deve avvenire una precedente rivoluzione di pensiero, altrimenti la norma, che equivale in una scarsità di energia vitale, non ci permetterà di intuire il valore nascosto sotto terra: la radice. Il processo di trasformazione mentale che tento di divulgare è questo: spostare l’attenzione dalle foglie alla radice, perché è da secoli che l’uomo continua a parlare delle foglie. Se il frutto rappresenta la felicità, allora l’albero ha bisogno di radici forti e vitali per dar vita alla dolcezza.

Come si fa ad essere felici - Foglie

foglie, foglie, sempre foglie

Per contestualizzare questo argomento, mettiamo che le foglie siano i desideri che vogliamo raggiungere, d’accordo? Noto che quando parlo delle foglie, ossia dei desideri, degli obiettivi da raggiungere, della tecnica per raggiungere questo o quello, del segreto che mi è stato rivelato dal Buddha per raggiungere i sogni, del creare la realtà ecc. allora sono molto più seguito. Mentre, quando riporto l’attenzione dove ce n’è più bisogno, l’attenzione cala. Me lo aspettavo, lo ammetto, la cosa non intacca di certo il mio stato d’animo, conosco benissimo questa dinamica, sono anni che la osservo. Tutte le meccaniche sociali d’altronde ci hanno abituato a questo.

Come si fa ad essere felici se ogni giorno facciamo di tutto per renderci infelici?

Non a caso poco fa ho usato i termini “senza sforzo”. Tutti vogliamo essere felici e soddisfatti della nostra vita, tutti almeno un paio di volte all’anno ci domandiamo come si fa ad essere felici, e tutti cerchiamo di conquistare qualcosa di nuovo per rispondere alla necessità.

Se un ragazzo cerca di accrescere la felicità nel modellare il suo corpo, allora cercherà informazioni che riguardano tecniche e strategie di allenamento che promettono risultati nel minor tempo possibile. Studierà strategie alimentari, cercherà i segreti dell’azione, dei movimenti esatti, delle sostanze da assumere, quanto riposare, quanto allenarsi… Dopo un po’ di tempo, come sempre, sopraggiunge la noia, la spossatezza e l’avversione per una pratica che ci siamo imposti di compiere ogni giorno. Quando qualcosa è ripetitivo diviene noioso. Quando è noioso dobbiamo forzarci. Quando dobbiamo forzarci comincia una lotta al nostro interno. Quando lottiamo stiamo male, e allora andiamo a cercare i trucchi che promettono di superare queste avversità. Ecco, questo significa porre l’attenzione sulle foglie.

Qualcuno cercherà di fare soldi mentre è indaffarato a sopravvivere, a occuparsi dei figli, della casa, del lavoro, di portare l’auto dal meccanico, di ricordarsi di pagare l’assicurazione, di fare la spesa, cambiare la lavatrice, guardare l’ultima puntata su Netflix perché sono due giorni che la rimanda. Qualcun altro sta risparmiando per scappare all’estero senza riuscire nell’impresa.

Qualcuno combatte contro le malattie senza raggiungere mai uno stato di sanità. Qualcuno è depresso per la propria vita sentimentale, e cerca in tutti i modi di restaurare il proprio corpo come se fosse un muro di malta e mattoni, tentando di avvicinarsi agli standard dell’alta borghesia, dello spettacolo. Tette al silicone, labbra al sapore di canotto ecc.

Come si fa ad essere felici? Non inseguire i sogni ma non arrenderti

Tutte queste persone aspirano alla felicità facendo di tutto per essere infelici, consumandosi come ossessi a inseguire i sogni, siano essi imposti maliziosamente dal sistema o meno. Gli altri invece, chi si è arreso, assaporano un costante senso di insoddisfazione per la propria persona ed esistenza. Sia uno che l’altro, sia chi corre dietro al miraggio di poter essere un giorno felice, sia chi si è arreso, rimane insoddisfatto.

C’è anche colui che non collega direttamente la felicità al raggiungimento di un obiettivo. l’unico suo pensiero è conquistare quella determinata cosa, punto. Anche in questo caso, se ci si concentra sulle foglie, conquistare l’oggetto del desiderio è molto più difficile, estenuante e improbabile. Molto improbabile. Anche di questo ho parlato in Radice. Lo stile di vita divulgato, se diviene nostro, ci trasforma come persona, ci avvicina all’essenza della vera natura umana.

Come si fa ad essere felici - Radice

La differenza del concentrarsi sulla radice

Il vero uomo è una creatura che mastica le problematiche di oggi come noccioline, anzi, non le percepisce nemmeno come problemi. La maggior parte dei problemi odierni, in fondo, equivalgono a prigioni che ci siamo costruiti noi stessi col pretesto di guadagnare qualcosa in cambio. Ma il percorso divulgato in Radice libera man mano da queste prigioni fisiche e intellettuali. Quando acquistiamo un auto (è solo un esempio) ci attacchiamo all’oggetto, proiettiamo noi stessi nell’auto. Ci preoccupiamo del suo aspetto, dobbiamo dedicare del tempo a pulirla, dobbiamo spendere del tempo che non possiamo usare come meglio vogliamo per guadagnare, denaro che ci serve alla manutenzione, al bollo, all’assicurazione, al carburante. Possediamo un auto ma meno tempo e libertà. nel corso della vita adulta costruiamo castelli di problemi che comandano le azioni di ogni giorno.

Al vero uomo riesce tutto con facilità, perché non è mai malato, possiede sempre energia, è sveglio, consapevole, elementi che facilitano l’individuazione delle opportunità e dei pericoli. Adeguarsi al momento presente è l’arte più alta, ma in assenza di consapevolezza questa viene offuscata dall’abitudine. L’abitudine prende il comando quando manca la vitalità, e le abitudini affiorano spesso dall’imprinting sociale. Per capirci, se siamo addormentati ci adopereremo per i voleri del sistema, non certo per i nostri.

Stato d’animo – energia vitale – stile di vita

Cerco di dirvi che ogni cosa nella nostra vita dipende dallo stato d’animo che ci accompagna nelle esperienze quotidiane. Stato d’animo che dipende dal livello di energia vitale posseduto, il quale, a sua volta, dipende da questi 6 fattori più volte ribaditi. Al nuovo lettore che si è appena approcciato all’argomento voglio dire di non smarrirsi in queste strane parole, trovi tutto in questi 11 capitoli.

La rivoluzione è capire che dobbiamo tornare a vivere realmente, darci da fare soltanto in questi 6 campi senza perdere il senno nel cercare di agire con forza di volontà. Quando ci si occupa di alimentazione, respiro, movimento, riposo, luce e silenzio, possiamo toglierci di mezzo qualsiasi preoccupazione. Da un lato c’è l’agire con sforzo, dove si cerca di raggiungere il frutto saltando, e saltando, e saltando per anni. Che si riesca o meno, alla fine avremo le gambe distrutte. Dall’altro possiamo avvicinarci all’albero, scavare alla base per scoprire le radici, le tastiamo e seguiamo la linfa vitale che scorre verso il tronco fino ai rami, ci arrampichiamo su di essi per giungere al frutto con naturale semplicità.

Le foglie, i rami e le radici del Project Excape

Per quanto riguarda la nostra divulgazione sulla rete, il Project Excape è attivo su tre fronti: Instagram, Facebook e questo Blog. Abbiamo strutturato questo progetto pensando proprio alla metafora dell’albero di cui hai letto finora.

Instagram

Rappresenta la chioma della pianta: foglie colorate che servono ad attirare l’attenzione. Utili messaggi che possono ispirare il quotidiano o innescare una riflessione e una curiosità per questo progetto.

Facebook

Rappresenta i rami: qua andiamo più verso la terra. Oltre alle semplici frasi potrai trovare contenuti di altro tipo. riflessioni più corpose, post diversi da frasi o brevi riflessioni, consigli su libri, stile di vita, e la possibilità di un contatto più diretto nel gruppo del social.

Blog

Questo blog rappresenta il fusto del progetto. Solo in questo spazio potete venire a conoscenza di tutti i fondamentali del progetto, almeno per il momento. Solo qua potete scavare a fondo tra gli articoli e vedere la radice.

Pratica delle informazioni

La radice vera e propria è senza dubbio la pratica delle informazioni che puoi trovare in questo spazio. Specialmente gli 11 articoli di Radice.

Uno stato d’animo energico e gioioso è ciò che permette di creare cose nuove. L’energia vitale le mantiene costanti nel tempo. Se non sei contento della tua personalità, di ciò che fai durante il tuo tempo, delle relazioni con gli altri, essere felice sarà un miraggio sempre più lontano. Se siamo statici non evolviamo, in assenza di esperienze nuove non possiamo conoscere che tipo di persone siamo. Se si eseguono le classiche regole del sistema siamo destinati a chiederci sempre in maggior quantità come si fa ad essere felici, fatto che sta a dire che probabilmente non lo siamo. Più ci facciamo questo tipo di domande più riveliamo a noi stessi la propria infelicità di fondo, che non si tratta assolutamente di un fatto negativo. È il primo passo verso una vita felice, ma solo se partiamo dalla radice. 🙂

Articoli consigliati: Il significato dell’atarassia: realizza i desideri ma non la felicità e Come superare la tristezza e trasformarti nell’essere più felice al mondo.

FINALMENTE È ARRIVATO

Se non ti piace leggere da Pc o smartphone è pronto l’ebook del Project Excape. Se lo desideri puoi sostenere il progetto leggendo in modo ordinato e cronologico gli articoli più significativi, come se fosse un libro.
Scopri l'ebook

In tutte le librerie digitali come Amazon, Kobo, IBS ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *