HomeFilosofia praticaCome diventare felici, una via senza sacrificio

Come diventare felici, una via senza sacrificio

Immagine Essere felici, una via senza sacrificio

Come diventare felici dovrebbe essere la domanda, lo scopo di ogni essere umano. Dalla nascita ci hanno insegnato, indottrinato, costretto a forza a studiare tantissime nozioni. Nessuno però ci ha mai parlato ed educato alla vera felicità. Essere felici ai giorni nostri è diventato una chimera. Inoltre, ci hanno fatto credere che niente si ottiene senza sacrificio. Il risultato è che non sappiamo chi siamo, in un mondo che si fagocita da solo, e sempre più spesso ci ritroviamo a brancolare nel buio, aggrappandoci a promesse di guru che ci salveranno dall’oscurità. Diventare felici è sempre una questione di scelta, mai di cause esterne. Proviamo a vedere perché finora tutto si è risolto con un nulla di fatto.

Si può imparare qualcosa da un temporale. Quando ci sorprende un acquazzone cerchiamo di non bagnarci affrettando il cammino, ma anche sforzandosi di passare sotto i cornicioni delle case ci bagniamo ugualmente. Agendo con risolutezza fin dal principio eviteremo dunque ogni perplessità e non per questo ci bagneremo di più. Questa consapevolezza si applica a tutte le cose (Hagakure).

Ti sei mai messo a correre sotto la pioggia per evitare di bagnarti? Ti sei bagnato lo stesso, vero? Questo piccolo aneddoto, tratto dall’Hagakure giapponese, ti avrà di certo portato alla mente ricordi similari. D’altronde, a chi non è capitato di tentare di non bagnarsi durante un acquazzone? Se il risultato non cambia, vale la pena agitarsi così tanto? Forse diventare felici, in fondo, parte anche da questo.

Perché anteporre questa premessa? La ragione è che rappresenta una buona parte della base su cui si stabilizza il Project Excape. È proprio su questa filosofia di pensiero e di azione che noi ci vogliamo diversificare quando si parla di contesti di auto-aiuto, auto-miglioramento, crescita personale ecc.

Tuttavia, con diverso non intendiamo migliore. Solamente, come già detto, diverso. Sarai tu a giudicarlo più o meno efficace. Il fine ultimo è diventare felici e capire come farlo. Noi ti forniremo tanti piccoli tasselli alternativi, cercando il più possibile di circumnavigare quella parte che, per raggiungere la felicità, deve passare necessariamente attraverso il sacrificio. Perché non funziona così, ci siamo già passati, eppure molti di noi persistono in quella strada. Andiamo al sodo per vedere cosa intendiamo esporre.

Essere felici, una via senza sacrificio

Come diventare felici, i vecchi metodi hanno funzionato? Sii sincero

Di informazioni ormai siamo sommersi, al giorno d’oggi sono presenti numerosi consigli e raccomandazioni che tentano di sopperire ai problemi più disparati della vita come tutti la conosciamo. Detto questo, quante volte ricordi di aver risolto i tuoi grattacapi per mezzo di tali informazioni? Quando un problema ha bussato alla tua porta e ti sei messo a meditare, pregare, convincerti che andrà tutto bene, visualizzare una soluzione o altre cose del genere, davvero queste azioni ti hanno portato ad un risultato tangibile, reale e soddisfacente?

Dopo che ti sei dato una risposta, eccoti un’altra domanda. Perché queste informazioni il più delle volte non funzionano? Perché capire come diventare felici è così difficile? Proviamo ad elencare qualche possibile risposta:

1- Le informazioni si fondano su credenze errate, obsolete, incomplete, oppure sono banali, che tutti o molti conoscono già.                                                                                                                                                             2- Per svariati motivi non stai facendo quello che le informazioni dicono.

Dopo questa considerazione vogliamo rivelarti che il Project Excape possiede anche dei contenuti mai visti prima, ma la sua prerogativa distintiva è concentrarsi maggiormente sul secondo motivo sopracitato. Anche se i precetti sono i migliori in circolazione, seguirli saltuariamente non porta né risultati né soddisfazioni. Il più delle volte, per cercare di raggiungere la felicità, ci ritroviamo a dover eseguire giornalmente svariate tecniche o compiti. Sotto il consiglio di altri, ci vengono suggerite le classiche regole per vivere felici. Senza giudicare la bontà di quest’ultime, noi del Project Excape pensiamo che, se a lungo andare, metterle in atto diventa più che altro un peso, allora queste non possono rappresentare il modo migliore per noi di vivere felici. Quando c’è sacrificio non c’è felicità. Ma tranquillo, diventare felici senza passare attraverso il sacrificio è possibile.

La vita dev’essere per forza così difficile?

Siamo i protagonisti di un periodo in cui la maggior parte della popolazione percepisce la vita come un qualcosa di pesante, di faticoso, di difficoltoso, dove le giornate sono colme di compiti a cui obbedire, norme da seguire, problemi con cui lottare. Quando si aspira a diventare felici bisogna inevitabilmente sacrificarsi e rinunciare a vari aspetti di un’esistenza considerata piena e realmente soddisfacente.

Diffidate di coloro che predicano l’idea del sacrificio. Ciò che in realtà vogliono è che qualcuno si sacrifichi per loro (Joan Fuster).

Senza sacrificio non si ottiene nulla. Tutti noi conosciamo questa terribile convinzione che ci è stata tramandata dalle generazioni passate, e tutti veniamo guidati da questa credenza, perché le moderne società consumiste si basano proprio su questo principio.

A dispetto di una vita costellata dal sacrificio, noi preferiamo nettamente il nulla.

A qualcuno potrà sembrare un’esclamazione un po’ forte, forse errata, che non potrà portare a niente, eppure lo abbiamo già detto: al sacrificio non è forse meglio il nulla? O preferisci la quotidiana sofferenza, supportata da qualche futile “contentino” sporadico? Per essere felici non è assolutamente necessario combattere ed essere pronti al sacrificio, perché l’energia si disperde totalmente nella lotta. La meta non si raggiunge tramite la fatica ma sospinti dalla passione, in modo tale che sia la stessa meta ad attirarci senza sforzo. Inoltre, la vera passione ci offre anche qualcos’altro: ci permette di goderci il percorso. E questo, di solito, è agli antipodi di ciò che da sempre ci hanno insegnato.

Per concludere l’articolo, che non è nient’altro che la punta dell’iceberg, possiamo dire che ormai le cose più o meno si conoscono. Sappiamo chiaramente che se vogliamo dimagrire dobbiamo impostare la sveglia un’ora prima del solito e uscire a fare jogging, così come sappiamo che se ci interessa godere di buona salute e vitalità dobbiamo alimentarci con più frutta e verdura. Sappiamo già che se desideriamo diventare felici come vorremmo è necessario liberarsi da tutti quei condizionamenti sociali che ci incatenano al loro volere. E sappiamo che trascorrere otto/nove ore al lavoro a ripetere azioni che non ci va di compiere non è l’ideale di vita che ci aspettavamo.

Ma se sappiamo cosa fare perché non lo facciamo?

Forse ora ti sorprenderai. A differenza di ciò che comunemente puoi pensare, tutto questo non ha niente a che vedere con la volontà e il sacrificio. Il nostro progetto non si basa sull’affrontare faticosamente la vita, né sulla forza di volontà. Questo lo lasciamo ripetere ad altri, tutti focalizzati alle foglie e non alle radici. Finché le raccomandazioni, i metodi o le guide, giuste o sbagliate che siano, punteranno subito e solo verso l’alto, prima o poi falliranno nel loro intento. Solo i pochi già ben radicati a terra ne trarranno giovamento.

Il Project Excape fornisce uno stile di vita, ti permette prima di radicarti bene al suolo. Sarà poi il tuo stile di vita a portarti alla meta, al frutto… ad essere felice. Perché solo se si agisce alla radice si possono riscontrare mutamenti nei frutti.

È inutile cercare di non bagnarsi. Se sappiamo come fare raggiungeremo la meta senza l’utilizzo della faticosa forza di volontà. Come si può diventare felici senza assaporare il sole o la pioggia?

L’immagine di copertina è dell’artista Raj

FINALMENTE È ARRIVATO

Se non ti piace leggere da Pc o smartphone è pronto l’ebook del Project Excape. Se lo desideri puoi sostenere il progetto leggendo in modo ordinato e cronologico gli articoli più significativi, come se fosse un libro.
Scopri l'ebook

In tutte le librerie digitali come Amazon, Kobo, IBS ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *