HomeInutile e ripetitivo10 regole per essere felici e spaccare il culo ai passeri

10 regole per essere felici e spaccare il culo ai passeri

Immagine 10 regole per essere felici e spaccare il culo ai passeri

In questo articolo vedremo le 10 regole per essere felici, sempre e comunque. Magari ti starai chiedendo il perché di questo titolo spocchioso, o scherzoso in base a come lo si legge. Sai, oggi la figura dell’eroe è molto in voga: essere felici è una battaglia continua e chi la persegue diventa proprio eroe, vero? Allo stesso tempo fare il culo ai passeri dev’essere un qualcosa di veramente complesso e non facile da realizzare, altrimenti dov’è la sfida da vincere, dov’è la battaglia? Ma non perdiamoci troppo in ciance e vediamo subito nel dettaglio queste 10 regole, a partire dalla prima.

Le 10 regole per essere felici

10 regole per essere felici e spaccare il culo ai passeri

Mangia le carote e vai a dormire presto

Il segreto della felicità sta nelle carote. Betacarotene per un abbronzatura invidiabile, in modo da essere ammirati dagli altri. Non dimenticare che le carote migliorano la vista, così riuscirai a scorgere meglio chi ammira la tua abbronzatura. Non meno importante è andare a letto presto. Fai il bravo bambino, mangia le verdure e vai a dormire presto.

Fai una buona azione per gli altri

Il segreto della felicità è rendere felici gli altri anche se la tua vita è un completo fallimento. Fai una buona azione al giorno. Invita a cena un amico che non vedi da molto, ne sarà felice. Lascia che sia lui a pagare il conto così che la tua felicità sarà doppia. Essere felici costa veramente poco, non credi?

Vivi nel presente

Vivi il presente, non pensare al passato problematico che hai avuto, ma nemmeno all’infausto futuro che ti aspetta. Qua si va sempre peggio, meglio non pensare al futuro che ti toccherà vivere. La felicità è ora, il passato è passato, non è più di moda.

Accettati per quello che sei

Non roderti il fegato, tu vai bene così come sei. La tua vita non ti piace, ma va bene così. Il mondo non ti piace, ma va bene così. Il tuo corpo non ti piace, sei obeso, dopo una rampa di scale hai il fiatone, la cellulite ti perseguita, ma va bene così. Sei un cesso ambulante che scarica tossine da ogni orifizio, rappresenti al meglio l’ambiente sudicio che l’uomo ha costruito, ma va tutto bene così. È un piano divino. Accettati, costringiti ad accettarti. Non essere triste, tu sei unico e speciale.

Non essere negativo

Non essere negativo. Devi essere ottimista, l’ottimismo è il profumo della vita. Metti un paio di occhiali con le lenti rosa e il mondo diventerà per magia più bello e fatato. Tutto è amore, siamo esseri di luce incarnati in questo mondo per divenire divini. Siamo solo di passaggio, non essere negativo, tutto è uno, ritorna all’unità, sii ottimista, tornerai presto ad essere uno. Di solito ne mettono uno per volta nella bara. 😉

Accontentati di ciò che hai

Accontentati di ciò che hai, il sistema è basato sulla scarsità dei beni, sul sacrificio. Se vuoi qualcosa devi sacrificarne un’altra. Se vuoi il panettone servono soldi, se vuoi i soldi devi offrire la tua libertà di poter vivere la vita come più ti piace. Quindi accontentati delle piccole cose. Per fare un tavolo ci vuole il legno, per fare il legno ci vuole l’albero, per fare l’albero ci vuole il frutto, per fare il frutto, ci vuole il seme… Dai, canta con noi.

La felicità è nelle piccole cose

Accontentati delle piccole cose perché la felicità la puoi trovare solo lì. Un pranzo in famiglia, il sorriso di lui/lei, le luci di natale, lo scodinzolare del tuo cane, l’albeggiare del domani. Certo che riuscirai sicuramente a godere di quelle cose, almeno fino a quando non le considererai “piccole”.

Pensa positivo

La positività è nelle piccole cose. Ah, no, scusa, ero rimasto indietro. Sii positivo qualunque cosa succeda. Quando ad esempio ti danno un pugno in faccia, quando tuo marito ti lascia per un’altra, quando l’artrite ti blocca i movimenti. Sii positivo, forzati a pensare positivo, anche quando scopri che tuo nipote di cinque anni ha il pene più lungo del tuo, o quando tua sorella ha un culo da urlo e tu sei aculica da sempre.

Usa affermazioni positive

Se non riesci a pensare positivo usa affermazioni positive. Se sei povero in canna ripeti ogni sera prima di andare a dormire “io sono milionario”. Ma attenzione, devi dire “io sono” non “io sarò”. Se farai così, nella prossima vita nascerai sicuramente milionario, ma non avrai memoria di come vive un povero, e quindi non riuscirai ad essere felice dei tuoi soldi. Dicono che il fato sia proprio un burlone. Ci vuole karma e sangue freddo, karma, uohoohooo…

Medita

La strada per la felicità è nella meditazione. Il mondo fa schifo, quindi rifugiati nella meditazione. Non puoi continuare a soffrire, l’unico luogo dove si può trovare la felicità è dentro di te. E allora medita, scappa dalla realtà, la felicità è dentro di te. Se ancora non sei soddisfatto ecco come raggiungere la felicità con i cliché della crescita personale e della spiritualità.

FINALMENTE È ARRIVATO

Se non ti piace leggere da Pc o smartphone è pronto l’ebook del Project Excape. Se lo desideri puoi sostenere il progetto leggendo in modo ordinato e cronologico gli articoli più significativi, come se fosse un libro.
Scopri l'ebook

In tutte le librerie digitali come Amazon, Kobo, IBS ecc.

5 commenti su “10 regole per essere felici e spaccare il culo ai passeri”

  1. Ci voleva un articolo del genere!
    Mo’ basta con lamentele e piagnistei, ci vuole una bella iniezione di vita.
    Dovremo sempre pagare le tasse, certo, comunque così facendo ci guadagni in salute e non è poco, cribbio!

  2. Oddio, lì per lì non avevo capito che stavi scherzando, e ho avuto una certa… come dire… dissonanza cognitiva.
    Del tipo “ma che c### sta dicendo, è impazzito?!?!?”.
    Poi ho capito.
    E sono caduta dalla sedia dal ridere.
    E tanto più ricordavo me stessa alle prese con questi concetti (e col tentativo di crederci, ti prego, non ridere di me, ci ho provato sul serio), tanto più mi veniva da ridere. Ed è stata una risata di liberazione.
    Grazie Andrea! 🙂

    1. Ciao Barbara, anche a me ha fatto ridere il tuo commento. Diciamo che questo è un articolo che piglia un po’ per il culo i luoghi comuni sulla felicità. Hai presente quelle pagine che si trovano ogni tanto sulla rete? Se ti è piaciuto ne trovi altri due sullo stesso stampo nella categoria “inutile e ripetitivo”. Hanno lo scopo di fa fare due risate ma allo stesso tempo, scavando tra una banalità e l’altra, si può trovare anche qualcosa di utile.

  3. Oddio il fiancoooo!!! Non ricordavo una cosa cosi divertente da tanto tempo! Diciamo che un insegnamento di fondo almeno c’è, cioè prendiamo tutto con ironia e a ridere il più possibile, perchè già ridere significa automaticamente non piangere…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *